1CITTA’ DI  CASTELLO – Cento espositori per la fiera del bestiame più i settanta operatori della fiera delle merci: sono questi i numeri di San Bartolomeo 2018 a Città di Castello. Il sindaco Luciano Bacchetta e l’assessore al Turismo e Commercio Riccardo Carletti hanno presentato il programma dell’iniziativa che prenderà il via venerdì 24 agosto per concludersi domenica 26 agosto e “collegherà tutti gli eventi ispirati alla nostra tradizione in un’atmosfera di allegria affinchè anche le giovani generazioni possano apprezzarli e nel tempo trasmetterli”.

Infatti, oltre al centro storico e piazzale Ferri, sede della Fiera delle merci, e di parco Langer, dove troverà spazio la fiera del Bestiame, l’iniziativa si svilupperà su Piazza Fanti con il Salone della Birra Artigianale e sabato 25 anche su Largo Gildoni, dove è prevista, alle 21.00, la Tombola di San Bartolomeo degli amici del Cuore.

“Tante iniziative, tanti volontari ed operatori impegnati a pieno ritmo nell’organizzazione” hanno ricordato Bacchetta e Carletti, ringraziando tutti i protagonisti della tre giorni: gli allevatori rappresentati da Carlo Tosti che anche quest’anno porteranno in mostra circa venti capi della chianina, il gigante delle Fiera, il Consorzio Pro-Centro, rappresentato da Flavio Benni, che ha illustrato “Lo Sbaracco che accompagnerà le fiere con allestimenti in tema balneare”, la pro-loco di Piosina e la società rionale di Riosecco, impegnate nelle degustazioni di piatti tipici, tra cui – hanno anticipato i rispettivi presidenti Paolo Perugini e Francesco Monini -“tagliatelle al sugo d’oca e ciaccine fritte”, il Centro di formazione Bufalini, presente con il direttore Marco Menichetti, nell’ambito del progetto “Prodotti ed eventi del territorio” del Piano regionale di Sviluppo rurale, il Servizio Veterinario della Asl, la cooperativa La Rondine e le fattorie didattiche di Città di Castello e Montone, unite nella ormai famosa fattoria della Pecora Dora, gli Amici del Cuore, promotori della parentesi della Fiera dedicata alla solidarietà.

“L’estate da noi non finisce soprattutto quest’anno in cui è stata contrassegnata dal ritorno dei turisti, dopo la battuta d’arresta dovuta alla paura per il sisma di Umbria e Marche. I numeri ci dicono che i flussi sono in netta ripresa e che il fascino del nostro territorio anche questa volta è riuscito a vincere un clima di opinione non favorevole ben più ampio delle zone realmente interessate dal sisma.

Ma questo è alle nostre spalle. Dobbiamo guardare alle Fiere di San Bartolomeo, che saranno un trampolino di lancio per lunghi mesi contrassegnati da un evento ogni fine settimana, fino a Natale” hanno sottolineato il sindaco e l’assessore “le iniziative di luglio ed agosto sono andate molto bene e confidiamo che questo trend prosegua visto l’intenso autunno che si profila con la mostra del Libro e dela Cavallo.

Le Fiere saranno anche l’occasione per tastare il terreno rispetto a questa manifestazione, che per la prima volta sarà organizzata all’Ansa del Tevere e zone limitrofe. Nonostante sia stata accompagnata a suo tempo da qualche polemica, aver trasferito fiere qui si è rivelata una buona idea, soprattutto oggi a causa delle normative sulla sicurezza”. (99)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini