Era stato allontanato da Terni all’inizio di agosto

1-copia-2TERNI – Lunedì sera, un equipaggio della Squadra Volante nota un giovane in bicicletta che, alla vista dell’auto della Polizia di Stato, tenta di dileguarsi nei vicoli del centro. Gli agenti perlustrano la zona a piedi, quando vedono la bicicletta lasciata appoggiata a ridosso di un muro e il ragazzo che, nascosto in un portone, fa capolino per controllare se sia stato seguito.

Gli agenti però lo sorprendono alle spalle e immediatamente lo riconoscono per il cittadino egiziano ventenne che non molto tempo prima era stato sottoposto dal Questore di Terni al Rimpatrio con foglio di via obbligatorio per il Comune di Roma ed al divieto di far ritorno nel Comune di Terni per tre anni, trattandosi di persona pericolosa per la società, con precedenti di polizia per rapina e altri reati contro il patrimonio e senza alcuna attività lavorativa.

Una volta in questura, sono emerse nei suoi confronti varie segnalazioni di rintraccio: l’egiziano doveva essere sottoposto agli arresti domiciliari presso un centro di accoglienza di Roma, in esecuzione di un provvedimento cautelare emesso dal G.I.P. del Tribunale di Roma.

Questa mattina, su iniziativa dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della questura, l’Autorità Giudiziaria competente ha emesso un altro provvedimento cautelare che prevede per il giovane egiziano il carcere.

La misura è stata immediatamente eseguita dagli agenti che lo hanno arrestato e portato a Vocabolo Sabbione. (130)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini