Si parte quest’anno, dal 27 al 29 agosto con un “Seminario Internazionale

oratorio-crocifissoFOLIGNO – Si avvicina il via alla XXXIX edizione del Festival Segni Barocchi. Si parte quest’anno, dal 27 al 29 agosto con un “Seminario Internazionale di studio sulla tromba e ensemble di ottoni”, a cura di Mark Inouye, all’Oratorio del Crocifisso di Foligno, in collaborazione con l’Associazione Banda Musicale Città di Bevagna, con il Comune di Bevagna e con la Scuola Comunale di Musica “Nicola Maurizi” di Bevagna.

Sono due le performance conclusive degli allievi del Seminario, martedì 28 agosto, ore 21,15, al Teatro Torti di Bevagna e mercoledì 29 agosto, sempre alle 21,15, all’Oratorio del Crocifisso di Foligno. Tanti gli appuntamenti in programma della manifestazione che propone vari eventi fino al 23 settembre tra Foligno e Trevi.

Venerdì 7 settembre all’Oratorio del Crocifisso, alle 21,15, concerto “Suggestioni barocche” dell’Ensemble barocco del Liceo Classico Frezzi-Beata Angela di Foligno, diretto da Filippo Salemmi. Per la Notte Barocca di sabato 8 settembre gli appuntamenti iniziano fin dal pomeriggio.

Oltre alla conferenza spettacolo di Raffaele Riccio “Il gran teatro del mondo: picari, comici, pellegrini, soldati in epoca barocca” alle 17,30 alla sala delle conferenze di Palazzo Trinci, l’Ex Chiesa della Santissima Trinità in Annunziata ospita il concerto “Tra cielo e terra” a cura di Musica Perduta alle 21,15. La compagnia dei Folli presenta lo spettacolo “Luce” alle 22,30 in Piazza della Repubblica, un viaggio attraverso la luce, il fuoco, effetti luminosi, proiezioni su farfalle e sfere trasparenti. Aperti anche il Museo Diocesano, Palazzo Trinci, il Laboratorio di Scienze Sperimentali con due proiezioni al Planetario alle 21,30 e alle 22,30, a cura di Arnaldo Duranti.

Molte i luoghi suggestivi cittadini che ospiteranno le varie iniziative della manifestazione, tra cui anche il Santuario della Madonna del Pianto con due appuntamenti per organo alle 21,15, uno il 6 settembre per organo e voce (Josef Miltschitzky, organo – Susanne Jutz-Miltschitzky, soprano), “Dallo stile galante al Romanticismo”, e l’altro il 12 settembre “Le forme musicali barocche dal ‘600 al ‘900” di Ottorino Baldassarri. Allo Spazio Zut, con due repliche alle 18 e 21, c’è “Memory Box”, lo spettacolo teatrale previsto per il 31 agosto e il primo settembre prodotto da Zoe/Zut con la regia di Emiliano Pergolari.

Per la sezione cinema, curata da Roberto Lazzerini, il 13 settembre verrà proiettato il film “Agadah” di Alberto Rondalli al Supercinema, ore 17,30 e 21,30. L’“Osservazione al telescopio del Pianeta Marte” è organizzata da Roberto Nesci dell’Associazione Astronomica Antares il 4 settembre, ore 21, al Giardino degli Orti Jacobilli. Per due appuntamenti musicali il Festival si trasferirà a Trevi: venerdì 14 settembre il Teatro Clituno ospita “Rosso – Musiche da un’Europa errante” e venerdì 21 settembre “Nurra Quartet”, progetto di Vito Trombetta in collaborazione con il Comune di Trevi.

Mercoledì 19 settembre il compositore, pianista e musicologo Giovanni Bietti terrà la conferenza “Il suono e lo spazio: la musica barocca” alla sala delle conferenze di Palazzo Trinci con due appuntamenti alle 11 e 17.30. Giovedì 20 settembre il Balletto di Foligno di Piera Schiavo porterà in scena “Li due Cunti” , spettacolo ispirato all’opera di Giambattista Basile (Auditorium San Domenico, ore 21.15).

Il Festival si arricchisce anche grazie alla collaborazione con gli Amici della Musica di Foligno che sabato 22 settembre, alle ore 21.15, presenteranno “Bach Sanssouci” all’Auditorium San Domenico. Il Festival si concluderà domenica 23 settembre con il concerto “Leonardo Leo – Sacred Works” dell’Ensemble&cetera diretto dal soprano Ulrike Hofbauer (Oratorio del Crocifisso, ore 21,15). (238)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini