1SPELLO – Un successo. Quest’anno la festa romana di Spello che ha toccato il cielo con un  dito: la perfetta regia di Massimo Pergolesi, ha fatto compiere un grande salto di qualità alla festa romana.Pergolesi è stato  abilissimo nel trovare l’equilibrio tra la storia e la tradizione, senza rinunciare all’originalità, a scelte mai scontate e utilissime a sottolineare i momenti della trama o i caratteri dei giochi e dei protagonisti.

aHa vinto il Palio di Paolo Proietti la Gens Flavia, guidata dalla domina Laura Pascucci. Soddisfatto anche il Presidente di Hispellum Sandro Vitali e il sindaco Moreno Landrini. Entrambi hanno sottolineato, durante l’intervista dello speaker ufficiale Gilberto Scalabrini, la  solennità e la ricchezza, ma anche la rigidità della interpretazione del difficile momento storico.

4I giochi si sono svolti  per la prima volta in notturna e il finale è stato davvero spettacolare, grazie ad un gioco di fuochi di un artista di strada che ha entusiasmato tutti.  La  grande partecipazione di pubblico e di critica, ha segnato a caratteri d’oro questa edizione. Spettacolare poi la cosa delle bighe: magnifici cavalli  grigi hanno trainato al trotto i carri, mentre l’atleta ha tentato di scagliare contro il bersaglio il pilum, una lancia che non sempre ha fatto centro.

2Per chi ha partecipato (oltre 300 figuranti) è stata quasi una folgorazione, una fuga dal mondo moderno, un’esperienza davvero indimenticabile. Tutti i personaggi sono stati uniti dalla passione per la storia, per le tradizioni e la cultura dell’Antica Roma.

40062084_2097897973578347_750685821492789248_nSpettacolare anche la partecipazione delle Legio XVI e XXII, quest’ultima padrona di casa. I legionari hanno messo insieme le professionalità necessarie, ricostruiscono fedelmente lo scenario di una legione, con armi ed equipaggiamenti, costumi ed utensili che caratterizzavano la vita quotidiana del periodo repubblicano. Ovviamente, attraverso lo studio di fonti storiche, iconografie e reperti archeologici.

1Il presidente di Hispellum, dopo le congratulazione a Laura Pascucci e a tutto il popolo della Gens Flavia, ha ringraziato  i partecipanti all’evento, sottolineando il lavoro svolto dalla Gens Julia, guidata da Giuseppe Pinti, e dalla Gens Flaminia guidata da Enzo Fastellini.

Le tre Gens hanno messo in piedi dei cortei stupendi e questo è stato il segnale positivo della crescita, tanto che parola festa ha avuto in quattro giorni il suono e il potere quasi magico, testimoniando una passione molto marcata degli spellani per la sua storia patria e trovando la sua espressione collettiva nella “festum”, che è  significata per tutti allegria, letizia, trionfo e giubilo pubblico.

  (503)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini