Si tratta del pluripregiudicato coinvolto nella rissa di domenica notte scorsa

polizia-questuraTERNI – Tunisino, 30 anni, irregolare, pluripregiudicato e con una grande voglia di rimanere a Terni, nonostante le cinque espulsioni (anche da Rieti), un rimpatrio in Tunisia, il tentativo fallito – grazie alla Polizia di Stato ternana – di contrarre matrimonio con un’italiana e in, precedenza, anche una fuga rocambolesca dal Centro di Permanenza e Rimpatrio di Bari.

Arrivato in Italia più di 10 anni fa, si era lasciato scadere un regolare permesso di soggiorno rilasciato dalla Questura di Rimini e nel 2014 era arrivato a Terni, dove si era subito fatto notare dagli agenti che lo avevano denunciato più volte per spaccio di sostanze stupefacenti e per rissa.

Dopo poco la prima espulsione per pericolosità sociale, ma l’uomo non aveva mai lasciato il Territorio Nazionale, spostandosi fra Terni e Rieti per eludere i controlli.

Domenica notte, l’epilogo della sua permanenza in Italia, quando è stato coinvolto in una rissa all’esterno di una discoteca del centro. Ieri, all’uscita dell’ospedale, ad attenderlo c’era la Polizia di Stato che lo ha accompagnato al CPR di Brindisi per il definitivo rimpatrio nel suo Paese di origine.

  (126)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini