Gli agenti, dopo aver fatto allontanare i presenti tra cui la moglie, hanno convinto il 50 enne a desistere dal compiere l’insano gesto

auto-polCITTA’ DI CASTELLO – Nella tarda mattinata, la volante del commissariato di città di castello, su segnalazione al 113, interveniva presso un appezzamento di terreno, per una persona con intenti suicidi. Sul posto, i poliziotti constatavano la presenza di un 50enne, il quale era salito sopra una pianta con una scala ed aveva una corda al collo con cappio, legata ad un ramo ed in una mano stringeva un grosso coltello da macellaio.

Gli agenti, dopo aver fatto allontanare i presenti tra cui la moglie, cercavano di convincere il 50 enne a desistere dal compiere l’insano gesto. Nel frattempo, mentre sopraggiungeva un ulteriore equipaggio polstato in ausilio, l’uomo repentinamente dava un calcio alla scala e si lasciava cadere nel vuoto.

Immediatamente gli agenti afferravano l’uomo per tenerlo sollevato, affinche’ la corda non gli stringesse il collo ma con non poche difficolta’, in quanto lo stesso, nonostante tutto, tentava piu’ volte di allontanare i soccorittori continuando a brandire il coltello che aveva ancora in mano.

Dopo averlo disarmato, gli agenti riuscivano a togliergli il cappio dal collo per poi adagiarlo in terra e assicurargli i soccorsi sanitari.

Il 50 enne dopo l’accaduto, non riportava apparenti ferite; veniva ricoverato, a scopo precauzionale, presso l’ospedale santa maria della misericordia di perugia.

  (126)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini