Sì a Romizi, ma con riserva e traccia le linee guida in vista delle prossime amministrative

1PERUGIA – A Perugia la Lega scalda i motori e definisce le linee guida per le prossime amministrative. “Si a Romizi – ha precisato il Segretario Nazionale Lega Umbria On. Virginio Caparvi – ma con dei paletti che riguardano eventuali accordi nazionali, dove c’è la Lega non c’è il Pd, e una condivisione sui temi principali del programma elettorale: per noi sicurezza, immigrazione e “prima i perugini”, sono priorità imprescindibili.

Crediamo che Romizi abbia amministrato bene anche se su alcuni temi ci aspettavamo il pugno più duro come nella gestione dell’ostello di Ponte Felcino . Nei prossimi giorni incontreremo il primo cittadino per un approccio formale, certi di poter portare, a Perugia, quel vento di cambiamento che tanto si respira anche a livello regionale. Ad oggi niente è scontato, né tutti i giochi sono fatti: vogliamo sedere intorno ad un tavolo e parlare di programmi e idee per la Perugia che verrà”.

Durante il suo intervento il segretario Regionale Virginio Caparvi non ha mancato di precisare che: “Ad oggi abbiamo respinto le richieste di alcuni amministratori e consiglieri di Palazzo dei Priori i quali hanno manifestato l’interesse ad entrare in Lega, ma riteniamo giusto che questa amministrazione vada a termine della consiliatura così com’è nata, restiamo comunque disponibili a qualsiasi tipo di confronto”. A tessere le fila in vista delle amministrative perugine è stato disegnato il Senatore Simone Pillon che affiancherà il segretario cittadino Gianluca Drusian.

Entrambe hanno ricordato l’importanza di essere una squadra senza succursali. “Romizi è un buon sindaco – ha precisato Pillon – ma noi siamo qui per costruire un percorso condiviso che può portare ad una via comune. Nessuno sposa qualcuno a scatola chiusa”. Mentre Drusian ha ricordato i numeri più che positivi di una sezione nata non molto tempo fa e che sta già registrando diversi consensi sull’intero territorio (99)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini