1CITTA’ DI CASTELLO – “Il prossimo anno saremo qui al parco Alexander Langer e vi aspettiamo alla Mostra Nazionale del Cavallo”. L’annuncio del presidente dell’Associazione Mostra Nazionale del Cavallo Domenico Duranti al termine del Gala Equestre di ieri sera, che per la seconda volta ha fatto registrare il tutto esaurito, ha lanciato un messaggio chiaro: la manifestazione continuerà nel 2019 e lo farà ancora nella nuova sede alle porte del centro storico di Città di Castello, apprezzata dal pubblico che per due giorni ha popolato l’area dell’ansa del Tevere con una partecipazione numerosa e importante.

L’ “evento-zero” di quest’anno, organizzato dal consigliere delegato del sodalizio promotore Marcello Euro Cavargini con un’impronta sperimentale in vista della 51esima edizione, è andato oltre le previsioni e ha lasciato una forte impressione di soddisfazione, al netto di correttivi, miglioramenti e di uno sviluppo infrastrutturale dell’area di cui gli organizzatori sono consapevoli e che verranno attuati gradualmente in futuro.

Ha premiato la scelta del parco Alexander Langer, una location immersa nel verde a due passi dal centro storico e da testimonianze culturali come le opere di Raffaello, Signorelli e del maestro Alberto Burri: la nuova sede ha offerto la comodità di collegamento con la città e con le arterie stradali principali, quindi la facilità di accesso da parte del pubblico, ma anche un luogo ideale per trascorrere le giornate vicini ai cavalli, con l’anfiteatro che si è rivelato un’arena dalle importanti potenzialità per gli spettacoli.

Ha premiato anche la politica dei prezzi promozionali, con i costi dei biglietti tutti dimezzati e l’ingresso gratuito fino a 14 anni di età, che ha dato la possibilità di accedere alla manifestazione a condizioni molto favorevoli, ottenendo il risultato atteso: una bella risposta degli appassionati, soprattutto delle famiglie, che hanno portato tantissimi bambini a vedere i cavalli.

Ha premiato la formula della manifestazione, con le esibizioni equestri proposte per tutto il giorno e il Gala Equestre serale dominato dalla grandezza di Nico Belloni e Bartolo Messina che insieme ad artisti di fama internazionale hanno conquistato ancora una volta il pubblico, insieme a eventi sportivi organizzati dalle federazioni di riferimento nel mondo del cavallo, con il Comitato regionale della Fise Umbria in prima linea per l’endurance e, in collaborazione con la Fitetrec-Ante, per gli attacchi sportivi.

Ha premiato, infine, la sinergia tra le istituzioni pubbliche, con il Comune di Città di Castello e la Regione Umbria protagoniste con l’intervento anche del Gal Alta Umbria, e gli imprenditori privati, che per la prima volta hanno sostenuto gli enti pubblici con una importante iniezione di risorse economiche.

“Siamo davvero soddisfatti della risposta che gli appassionati hanno dato a quella che è stata una vera e propria scommessa nel nome della passione per il cavallo – afferma Marcello Euro Cavargini – con cui, grazie al supporto delle istituzioni pubbliche locali e di tanti privati, abbiamo fatto ripartire la manifestazione con un lavoro fatto di grande pragmatismo e spirito imprenditoriale”.

Una soddisfazione condivisa dalla presidente del Comitato regionale della Fise Umbria Mirella Bianconi Ponti, che nonostante un infortunio nella giornata conclusiva non ha voluto far mancare il proprio saluto al pubblico nel Gala Equestre finale definendo un grande successo l’edizione 2018, insieme a Nico Belloni, al consigliere dell’Associazione Mostra Nazionale del Cavallo Lucio Ciarabelli e all’amministratore unico di Sogepu Cristian Goracci, dai quali è venuto un contributo fondamentale all’evento.

  (130)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini