Al via il Servizio Famiglia e le attività di assistenza psicologica. Un incontro il 3 ottobre per presentare il progetto finanziato da Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia

1FOLIGNO – È stato avviato i primi di settembre il progetto “Community welfare per il malato oncologico perugino” con l’obiettivo principale di ampliare il servizio di assistenza oncologica specialistica domiciliare e gratuita ai malati di tumore, garantita da Fondazione ANT a Perugia e nelle zone limitrofe.

Il progetto, che gode del sostegno di Fondazione CariPG, sarà presentato mercoledì 3 ottobre alle 17 durante un incontro pubblico organizzato da Fondazione ANT e Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia nella sede di quest’ultima, in corso Vannucci 47 a Perugia.

Tre le linee di azione fondamentali del progetto: assicurare agli assistiti e alle loro famiglie un adeguato supporto psicologico a domicilio attraverso il lavoro di professionisti specializzati in psico-oncologia, favorire una partecipazione pro-attiva della comunità territoriale e avviare anche a Perugia il Servizio Famiglia ANT, ossia il nucleo operativo di volontari che provvede a fornire al domicilio dei pazienti, gratuitamente, presidi medici utili per migliorare la qualità della vita.

In particolare, per garantire l’avvio del Servizio Famiglia ANT, verrà attivato nei mesi di ottobre e novembre (con inizio il giorno 8 ottobre) un corso gratuito per diventare volontari socio-assistenziali. Il corso si svolgerà presso la sede della Delegazione ANT di Perugia, in via G. Pierluigi da Palestrina 40. Sarà strutturato in sei incontri di carattere pratico e teorico, a cura del dottor Giacomo Ercolani, psicologo ANT recentemente inserito nell’equipe medica di Perugia proprio grazie al contributo della Fondazione CariPG.

I Volontari, adeguatamente formati, saranno vicini alla famiglia del malato attraverso il disbrigo di piccole commissioni; garantendo compagnia al sofferente; attraverso la consegna, ritiro e montaggio/smontaggio dei presidi e ausili forniti da ANT e tramite il servizio di accompagnamento degli assistiti ai luoghi dove vengono erogate visite e terapie. Il servizio famiglia prevede anche la fornitura di cure alla persona da parte di operatori sanitari specializzati, in particolare cure di igiene e fisioterapia. Per trovare maggiori informazioni sul programma del corso e per le iscrizioni è possibile visitare il sito www.ant.it/umbria.

Lavorare a contatto con la sofferenza dell’Altro richiede conoscenze e competenze emotive e comunicative di alto livello, perciò una adeguata formazione e supervisione fornita ai Volontari socio-assistenziali dagli psicologi diviene un elemento fondamentale – spiega il dottor ErcolaniIl tumore ha un impatto notevole non solo nella vita del paziente, ma in quella di tutta la famiglia: l’intervento psicologico ha il duplice obiettivo di aiutare a riconoscere e ad accrescere le risorse psicosociali e a ridurre i comportamenti che mantengono il disagio emotivo.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia aveva già creduto nel progetto di assistenza gratuita domiciliare ANT sostenendone l’avvio nel 2016 – afferma il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, Giampiero BianconiSiamo convinti che sia fondamentale dare continuità a questa iniziativa, contribuendo così a rafforzare una rete socio-assistenziale adeguatamente formata e in grado di garantire nel tempo, attuando tutte le soluzioni possibili, un miglioramento della qualità della vita dei pazienti e dei familiari.

L’équipe medica di Fondazione ANT, aperta a Perugia nel 2016, è composta da un coordinatore sanitario, tre medici, due infermiere, uno psicologo e una nutrizionista che a tutt’oggi hanno assistito 166 pazienti in Umbria. (145)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini