arresto-aPERUGIA  – Nei giorni scorsi i poliziotti della Volante hanno tratto in arresto un 54enne albanese residente in periferia, responsabile di reiterati atti persecutori nei confronti della ex compagna, una connazionale 38enne abitante nella medesima zona.

La vicenda inizia circa due anni fa, quando la donna, dopo aver troncato la loro relazione affettiva, comincia ad essere perseguitata dall’ex compagno.

Per quello che subisce sporge ben sei querele nei confronti del 54enne il quale, a seguito dell’interruzione della loro relazione sentimentale, pone in essere atti persecutori sia nei confronti della 38enne che della figlia di lei, generando in loro continui stati d’ansia e di paura, compromettendone il normale svolgimento della vita quotidiana.

L’Autorità Giudiziaria ha pertanto disposto, nei confronti dell’uomo, la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla donna vittima di stalking. Incurante di ciò, l’albanese ha proseguito a molestare e minacciare la connazionale.

In ragione del reiterato comportamento persecutorio dell’uomo e della costante violazione del divieto di avvicinamento – non perdendo occasione per appostarsi sotto casa della “ex” e seguirla ovunque ella vada – è stato richiesto ed ottenuto, a maggio 2018, l’aggravamento della misura con quella degli arresti domiciliari, terminati lo scorso mese di giugno.

Gli atti persecutori sono proseguiti quest’estate, addirittura nella nazione di origine, quando la donna si è recata in visita ai parenti; lui l’ha seguita fin lì, costringendola a richiedere l’intervento della Polizia albanese.

Da ultimo, pochi giorni, fa la 38enne ha nuovamente chiesto aiuto alla Polizia in quanto lo stalker, presentatosi al supermercato dove lei stava facendo la spesa insieme alla figlia l’ha minacciata di morte, ritenendola responsabile di essersi rivolta alla Polizia albanese; in suo aiuto è intervenuta la figlia, che l’uomo ha ugualmente minacciato.

In conseguenza di quest’ultimo grave episodio gli agenti della Volante, prontamente intervenuti sul posto, hanno tratto in arresto l’uomo per il reato di atti persecutori in flagranza di reato.

 

  (117)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini