Saranno validi come corsi di aggiornamento gratuito per gli insegnanti ed aperti a studenti e cittadini. Primo appuntamento venerdì 5 ottobre con “Prolusione: la scoperta dell’altro”

gli-intervenuti-alla-conferenza-stampa-di-presentazioneGUALDO TADINO – E’ stato presentato martedì 2 Ottobre presso la Sala Consiliare del Comune di Gualdo Tadino il corso di formazione/ciclo di convegni di studi “L’Altro – Alterità, prossimità, parità nella società moderna e contemporanea” patrocinato e finanziato dal Comune di Gualdo Tadino in collaborazione con l’I.S.I.S.S. R. CASIMIRI (ente accreditato MIUR), l’associazione culturale Arte&Dintorni, l’Accademia dei Romiti e Educare alla Vita Buona a.p.s.

2Presenti all’occasione il Sindaco di Gualdo Tadino, Massimiliano Presciutti, l’Assessore alla Cultura, Fabio Pasquarelli, lo storico Marco Jacoviello, la vice rettore dell’Accademia dei Romiti, Morena Cattaneo, la vice preside I.S.I.S.S. R. Casini, Angela Codignoni e la Prof.ssa Oriana Scapeccia.

“Abbiamo sposato questa iniziativa – ha dichiarato il sindaco Presciutti – per l’alto contenuto e valore dei temi trattati in tutti gli appuntamenti. Appuntamenti di altissimo livello tra i quali figura anche la presentazione del libro “Mosè da Gualdo” che ci sarà il prossimo 19 Ottobre. Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito alla costruzione di questo calendario di iniziative in cui crediamo molto”.

I convegni verranno tenuti presso la Rocca Flea, Gualdo Tadino (Ottobre/Novembre 2018 vedi programma allegato) e inizieranno venerdì 5 Ottobre con “Prolusione: La scoperta dell’altro. Analisi del saggio di Todorov”.

Il ciclo di conferenze e seminari è accreditato come corso di aggiornamento per gli insegnanti dal Ministero dell’Istruzione, ma rivolto anche agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado ed aperto a tutta la cittadinanza.

“Abbiamo avuto l’occasione – ha dichiarato l’Assessore alla Cultura Fabio Pasquarelli – di finanziare questo importante corso di formazione riconosciuto dal MIUR, rivolto in primis agli insegnanti ma non solo, e non ce la siamo lasciata sfuggire. Si tratta di un’opportunità unica nel suo genere, visti i temi contenuti in questi appuntamenti, e come Amministrazione abbiamo quindi sostenuto il ciclo di conferenze”.

Tra tutti gli appuntamenti, il 19 Ottobre si svolgerà la presentazione alla città del volume Mosè da Gualdo- Una storia vera nel Rinascimento gualdese, ed. Accademia dei Romiti, relativo alla presenza degli ebrei a Gualdo Tadino nella prima decade del Cinquecento, che invita ad una riflessione sulla città, sulle espressioni di convivenza civile e sui rapporti di potere che vengono ritratti nell’opera dello storico Marco Jacoviello.

Apparentata alla grande Storia italiana, quella degli ebrei italiani è minoritaria, ma non marginale. Rappresenta un esempio di comunità poliglotta in un mondo di diversificazioni linguistiche attratta dalla spinta commerciale, finanziaria ed economica dell’espansione medioevale dei liberi comuni. Integrata, ma non omologata.

Intolleranza, pregiudizio, ostilità, colpevolizzazione sono stati gli emblemi di una discriminazione, ma anche i presupposti di una conquista sociopolitica che soltanto con l’unificazione italiana ha avuto esito positivo.

Oggi, come allora, altre presenze minoritarie, ma non marginali, entrano delle dinamiche civili, creando altri sistemi di pensiero che abbisognano di un’analisi coerente. All’Altro per antonomasia, si aggiungono gli Altri. Alle grandi sfide della globalizzazione, della complessità del sistema mondo, non si risponde con le banalità degli slogan. La storia è una metafora dell’oggi.

“Sono contenta di essere qui oggi – ha concluso il vice rettore dell’Accademia dei Romiti, Morena Cattaneo – perché l’Accademia dei Romiti ha sempre sostenuto tutto ciò che può interrogare. Il volume Mosè da Gualdo ne è un esempio concreto”.

 

  (68)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini