1PERUGIA – L’edizione 2018 del Perugia Pet si è chiusa con una bella notizia. “Cani e gatti non solo potranno entrare negli ospedali dell’Umbria per dare affetto e supporto ai pazienti ricoverati, ma anche nelle residenze per persone anziane o disabili, per aiutarle nella vita quotidiana.” Lo ha annunciato l’assessore alla Salute e Welfare della Regione Umbria, Luca Barberini, durante lo spettacolo di domenica pomeriggio, che tradizionalmente chiude l’Esposizione Internazionale Canina.

“Daremo la possibilità a queste strutture -ha aggiunto l’assessore Barberini- di adottare i cani ospitati nei canili del territorio regionale, raggiungendo così un doppio obiettivo: dare una casa ai cani meno fortunati e promuovere nuove opportunità di pet therapy per le persone più fragili. Si tratta -ha concluso- di un progetto innovativo, con cui vogliamo realizzare in Umbria una sanità più vicina alle persone e valorizzare il ruolo sociale degli animali da compagnia nella vita quotidiana della comunità.”

Al progetto della Regione Umbria ha aderito da subito anche l’ANFI, Associazione Nazionale Felina Italiana, che per bocca della responsabile della Commissione Salute Sara Moroni, sempre nel corso del Perugia Pet, ha voluto sottolineare l’importanza di simili iniziative e ha dato la piena disponibilità dell’associazione a collaborare con la Regione alla loro fattiva realizzazione. “Abbiamo ormai una certa esperienza in questo settore -ha spiegato Moroni- e molti progetti in atto con altre istituzioni in tutta Italia. Sappiamo quanto può essere importante la presenza di un animale nella vita di una persona, tanto più se in condizioni di fragilità. Per questo abbiamo proposto la nostra collaborazione, certi della valenza sociale del progetto della Regione Umbria.”

Soddisfazione è stata espressa dall’ANFI anche per i risultati di questa prima edizione dell’Esposizione Internazionale Felina, svoltasi nell’ambito del Perugia Pet. Il pubblico della manifestazione, infatti, ha apprezzato molto la presenza dei felini, molti dei quali esemplari poco comuni. Una presenza condivisa con l’Esposizione canina, che si conferma competizione di qualità a livello internazionale. “Tutto si è svolto senza intoppi, abbiamo avuto un folto pubblico, soprattutto per lo show della domenica pomeriggio -ha sottolineato Fabrizio Censi per il Gruppo Cinofilo Perugino- grazie alla collaborazione con il Perugia Pet. Non possiamo che essere soddisfatti dei tanti complimenti che abbiamo ricevuto da altri gruppi cinofili e dai partecipanti.” Approvazione è stata espressa anche da Censi riguardo al progetto della Regione Umbria.

Il Perugia Pet si conferma, dunque, appuntamento particolarmente atteso dal pubblico di appassionati, giunti da tutto il centro Italia, e dalle famiglie, sempre più disposte a conoscere meglio gli animali da affezione e, da quanto dicono le statistiche, anche ad introdurli nella propria casa.

A tirare le fila di questa edizione appena conclusa è, dunque, Andrea Castellani, Presidente di Fiera Show, l’agenzia organizzatrice del salone, per il quale due sono i dati da sottolineare a consuntivo: “Siamo riusciti in un’impresa che è quasi unica in Italia -ha spiegato- ovvero il connubio tra due importanti esposizioni come quella Enci e quella Anfi che, pur essendo ospitate in contemporanea dal Perugia Pet per la prima volta, è stato perfetto, grazie alla collaborazione di tutti, le due associazioni, il Gruppo Cinofilo Perugino, il Cat’s Village, il nostro staff, gli espositori e i partecipanti ad entrambe le competizioni. In questa edizione -ha proseguito Castellani- si è rafforzata ancora di più la collaborazione tra pubblico e privato per la realizzazione di un progetto importante, che ci vede tutti coinvolti e che auspichiamo possa concretizzarsi quanto prima.”

  (151)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini