Venerdì dedicato alle visite con i padroni di casa, da Palazzo della Penna a Palazzo Gallenga. Sabato riapre le porte la Domus Pauperum, domenica la tomba dello Sperandio, i monasteri e le soffitte di San Domenico. Per tutte le visite è necessaria la prenotazione al 329-8282214. Intanto è già overbooking per l’Arco Etrusco

1PERUGIA – Crescono di giorno in giorno le prenotazioni per le visite in programma nel secondo fine settimana di Luoghi Invisibili 2018. Dal 12 al 14 ottobre Perugia torna a scoprire i suoi tesori meno conosciuti: palazzi storici in compagnia dei padroni di casa, sedi di ordini cavallereschi, confraternite e ricoveri per pellegrini e bisognosi, percorsi artistici, giochi in piazza e passeggiate nel centro storico, con repliche a grande richiesta e recupero degli appuntamenti annullati nel primo weekend per il maltempo.

2Il venerdì è dedicato alle sedi degli ordini cavallereschi e delle confraternite e alle visite con i “padroni di casa”, una delle iniziative 2018 di maggior successo: ad aprire le porte di palazzi e luoghi speciali saranno proprio coloro che li vivono e vi lavorano ogni giorno e che per una volta, vestiranno i panni di impeccabili guide: si inizia alle 15,30 con la Fondazione Agraria, nel complesso monumentale di San Pietro, insieme al direttore Mauro Cozzari; si prosegue alle ore 16,30 con l’assessore comunale alla cultura Maria Teresa Severini alla scoperta dei segreti di Palazzo della Penna che oggi è centro di cultura contemporanea e sede di mostre ed esposizioni.

Alle 18 sarà la volta di Palazzo Gallenga insieme al rettore dell’Università per stranieri di Perugia, Giovanni Paciullo, mentre è già overbooking per la visita all’Arco Etrusco, insieme al soprintendente Marica Mercalli, per motivi logistici e di sicurezza. Anche il programma del sabato prevede una visita speciale con un cicerone d’eccezione, sarà infatti monsignor Paolo Giulietti a far conoscere ai visitatori sale e segreti del Palazzo vescovile (ore 15,30).

Sabato, inoltre, oltre all’escursione in bicicletta, il trekking urbano compostellano e le chiese di don Nello (un viaggio  attraverso le chiese affrescate e decorate dal parroco artista Nello Palloni), sarà possibile visitare anche la Domus Pauperum in Corso Garibaldi (ore 16): realizzata sul preesistente Hospitale Mercatorum, documentato già nel 1321, la struttura fu edificata dal Collegio della Mercanzia per il ricovero dei poveri e bisognosi e tale mantenuta dal 1507 al 1990.

Ad illustrarne i segreti sarà il prof. Franco Ivan Nucciarelli. In programma sabato anche la visita guidata ai laboratori artigiani contemporanei e ai luoghi delle botteghe di un tempo, a cura dell’Associazione Priori, alla chiesa di Santo Spirito e agli Oratori di Porta Eburnea, l’apertura della chiesa della Compagnia della morte e il laboratorio per bambini tra “storie di personaggi invisibili”.

Domenica mattina si recuperano la Pelosissima, passeggiata in centro con gli amici a quattro zampe con partenza dai giardini Carducci (ore 10,30), e l’appuntamento dedicato alle famiglie con il gioco Acropolis in piazza IV Novembre (ore 16) e tornano visitabili anche la torre di Porta Sant’Angelo e la collezione di strumenti musicali, la Tomba etrusca dello Sperandio, e il Cimitero Monumentale.

Continuano ad aumentare  (ma non all’infinito!) i turni di visita per le soffitte di San Domenico e i monasteri di Sant’Agnese, della Beata Colomba e di Santa Caterina all’insegna di arte, storia e biscotti (dalle ore 15,30) e alle 17 si chiude il cartellone degli eventi con voci di poeti, artisti, santi e filosofi che raccontano “l’antica via sacra”, una visita guidata, a cura della storica dell’arte Caterina Martino, che arriva fino alla chiesa di S. Stefano e Valentino e alla Cappella di S. Michele Arcangelo e che prevede aperitivo finale.

Info e prenotazioni al 329-8282214.

  (92)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini