Sabato 27 e domenica 28 ottobre tappa del primo campionato monomarca 100% elettrico. Durante l’evento, a ingresso libero, anche giochi, sport e lo Smart village con area Lounge

autodromo-2MAGIONE – Presentato in primavera a Roma in occasione dell’E-Prix, dopo essere andato in scena nell’autodromo di Misano, nei circuiti cittadini di Milano e nella pista di Vallelunga, lo Smart EQ fortwo E-Cup sbarca in Umbria. Sabato 27 e domenica 28 ottobre il primo campionato monomarca dedicato ai motori elettrici farà, infatti, tappa all’autodromo ‘Mario Umberto Borzacchini’ di Magione.

Durante la prima giornata, le sedici nuovissime Smart elettriche EQ che partecipano alla competizione effettueranno le prove libere e ufficiali, mentre domenica sarà la volta delle gare vere e proprie con partenza alle 10.45 e alle 15.30.

Nella cornice della sfida automobilistica, la concessionaria Rossi proporrà a tutti i partecipanti un intero fine settimana di divertimento con intrattenimento, iniziative ricreative per grandi e piccoli e possibilità di test-drive su circuito cittadino a bordo di Smart EQ fortwo.

“Piloti professionisti – spiega Lorenzo Carlini, marketing manager Rossi – si sfideranno in una gara adrenalinica fino all’ultima curva mostrando la potenza delle loro vetture elaborate per la pista. Ma l’evento prevede anche tante sorprese per i visitatori a partire dallo Smart village dove ci si potrà divertire, per esempio, a scoprire tanti sport, come il free climbing.

Al suo interno ci sarà anche un minicircuito di Smart per bambini e soprattutto un ambiente accogliente, tipico di Smart, con tanto di area Lounge”.

Alla sfida, a ingresso libero e che si annuncia già da ora adrenalinica, la concessionaria Rossi concorrerà con Alessio della Nave, consulente vendita Smart Arezzo e driver Rossi. “Questo tipo di gara con auto elettriche – annuncia Carlini – offrirà una sensazione molto particolare e affascinante. Grazie anche alle nostre iniziative, sarà un’occasione per stare insieme, con la famiglia, con tanti giochi, all’insegna della sportività”. (120)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini