I lavori di adeguamento progettati da ANAS prevedono per l'anno 2019 l'avvio delle procedure di appalto, ma il ministero evidenzia criticita’ tecniche

1SAN GIUSTINO  – Si è svolto ieri mattina alle ore 10, nella sede del Ministero delle Infrastrutture a Roma, la riunione del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici per la verifica del progetto di adeguamento della galleria della Guinza. Ben 5,9 chilometri di tunnel – già presente da oramai 30 anni – che fanno parte dell’itinerario ben più ampio della E78 Fano-Grosseto.

I lavori di adeguamento progettati da ANAS prevedono per l’anno 2019 l’avvio delle procedure di appalto. All’incontro era presente il presidente e il vice della Regione Marche, rispettivamente Luca Ceriscioli e Anna Casini; il presidente della Provincia di Pesaro Urbino, Daniele Tagliolini e il sindaco di Mercatello sul Metauro, Fernanda Sacchi. Per la Regione Umbria era presente l’assessore con delega alle infrastrutture, Giuseppe Chianella, insieme al sindaco e al vice del Comune di San Giustino: Paolo Fratini e Stefano Veschi. Durante l’esame del progetto redatto direttamente da Anas, il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, ha evidenziato delle importanti criticità tecniche tali da poter pregiudicare lo stesso progetto.

“Qualcosa che già aleggiava nell’aria – commenta il sindaco di San Giustino, Paolo Fratini – un intento che non ha nulla a che vedere con l’esame tecnico, bensì è un’intenzione politica di svilire l’importanza del completamento della E78 Fano-Grosseto al fine di recuperare importanti risorse, tra l’altro già stanziate, per destinarle ad altri progetti. Solo con la determinazione delle rappresentanze locali e regionali è stato possibile, almeno per il momento, ottenere un riesame del progetto – conclude il primo cittadino – che si svolgerà sempre a Roma fra quattro settimane esatte. In questo lasso di tempo assieme ad Anas dovremo integrare il progetto in vista del prossimo incontro.

Ora che si vede un po’ di luce in fondo al tunnel, sarebbe una gran beffa per i territori umbri e marchigiani nel loro sviluppo economico e sociale, se le risorse già stanziate fossero veramente distolte da questa opera così strategica”.

(124)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini