Giovedì 1 Novembre, il famoso psicologo e scrittore Massimo Recalcati sarà in città. Appuntamento alle 18.00 presso l’Auditorium di Piazza Sant’Antonio

1CITTA’ DI CASTELLO – Ospite dell’Associazione Genitori, il famoso psicologo e scrittore Massimo Recalcati sarà a Città di castello, giovedì 1 Novembre 2018 alle 18.00 presso l’Auditorium di Piazza Sant’Antonio per parlare di un nuovo lessico familiare. Saranno presenti l’assessore ai Servizi Educativi Rossella Cestini e il dirigente del polo tecnico Franchetti-Salviani Valeria Vaccari. L’incontro si inserisce nel progetto “Sostegno alla genitorialità”, una delle esperienze di promozione della salute attuata nel polo tecnico Franchetti-Salviani all’interno del progetto più complesso “Quando scuola, servizi sociali e sanitari collaborano…”.

Dal 2004/05 i genitori rappresentanti di classe e di istituto si incontrano e riflettono in piccoli gruppi su temi riguardanti l’età dell’adolescenza.Porsi domande, cercare insieme le risposte è stato tanto importante quanto trovarle. Il piacere di cercare insieme ha portato negli anni successivi ad adottare per il progetto lo slogan” genitori che ascoltano genitori , per comprendere meglio i propri figli…”

Maggio 2008: nasce l’Associazione Genitori con Statuto e Logo scelto con un concorso a cui hanno partecipato molti studenti Ogni anno l’Associazione propone incontri rivolti a tutti i genitori che si svolgono con la modalità dei Focus-group.

Incontri con esperti, psicoterapeuti dell’età evolutiva , hanno caratterizzato

l’attività dell’Associazione che oggi ha raggiunto il decimo anno di attività e per questo importante traguardo ha scelto di organizzare, come primo appuntamento dell’anno, un incontro con Massimo Recalcati, psicoanalista e autore di libri sulla famiglia, in particolare sul rapporto genitori-figli.L’evento rappresenta un’opportunità significativa per confrontarsi con un esperto che ci farà riflettere sull’essere genitori in una società in continua evoluzione.

 

 

  (165)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini