Buon successo per la sesta edizione della tradizionale mostra-mercato dedicata al collezionismo, ospitata a Umbriafiere di Bastia Umbra il 27 e 28 ottobre. Gli organizzatori: “Il nostro è un evento unico nel suo genere in Umbria, e ha ormai conquistato un suo pubblico di fedelissimi che continua a crescere di anno in anno, segno che la selezione dei nostri espositori, oltre 250 arrivati da tutta Italia e dell'estero, è di altissima qualità”

1BASTIA UMBRA – Un buon successo ha salutato la sesta edizione di La Terra dei Mercanti, vera e propria festa del vintage e del collezionismo ospitata nei 3 padiglioni del polo fieristico Umbriafiere di Bastia Umbra il fine settimana che si è appena concluso. “Il nostro – sottolineano gli organizzatori – è un evento unico nel suo genere in Umbria, che ha ormai conquistato un pubblico di fedelissimi che continua a crescere di anno in anno, segno che la selezione dei nostri espositori, oltre 250 arrivati da tutta Italia e dell’estero, è di altissima qualità”.

Per due giorni è stato infatti possibile trovare a Umbriafiere una ricchissima selezione di vintage, modernariato e antichità, e tante vere e proprie chicche e rarità per i collezionisti e i curiosi, arrivati anche da fuori Umbria per acquistare oggetti di raro reperimento.

In fiera cimeli storici, modernariato, modellini, esposizioni tematiche e tanta musica

Tra le novità di quest’anno, particolare attenzione è stata dedicata alla musica, con un raro banjo mandolino francese del 1895 e un banjo opera del famoso liutaio romano Pietro Fantozzi allievo di Luigi Embergher. E poi una chitarra Jazz fatta a mano dal liutaio siciliano Stefano Caponnetto, chitarre eco Jazz anni ’60 amplificate e una mitica chitarra elettrica Hofner del 1966. E poi in fiera anche veri e propri cimeli storici, come le due lampade piantane risalenti al ventennio fascista e regalate da Benito Mussolini ad un importante Cavaliere del Lavoro marchigiano.

E ancora, i 3 padiglioni di Umbriafiere hanno ospitato la tradizionale esposizione (350 mq) di trenini dinamici, con ambientazioni ricostruite nel dettaglio, vinili, fumetti, radio, orologi, tavoli da biliardo antichi, monete e giocattoli. Ampio spazio ovviamente al settore vintage, con una vasta proposta di abbigliamento e accessori, come borse, occhiali da sole e altro ancora.

Un tuffo negli stili e nei look del passato, con l’abbigliamento e l’oggettistica vintage, e un tuffo nella Storia, con il settore militaria, che anche quest’anno è stato particolarmente ricco. Protagonisti anche i settori antichità, dal fine ‘800 fino inizio ‘900, arredi, complementi d’arredo e oggettistica, mobili, lampade, quadri e poltrone Chesterfield e il modernariato, con tutto ciò che ha fatto la storia dal 1950 fino la fine del ‘900, come jukebox, sedie da barbiere, tavoli in formica e frigoriferi colorati, poltrone sferiche anni ’60 e frigoriferi Coca Cola.

Dopo il successo dell’esposizione tematica delle bottiglie di liquori dell’anno scorso, quest’anno La Terra dei Mercanti ha proposto l’esposizione tematica di 300 antichi boccali in ceramica per birra ed è stata poi presente in vendita una macchina da scrivere Olivetti Lexikon 80, prodotta dal 1948 al 1959 e molto ricercata dagli amanti delle macchine da scrivere. (35)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini