Il bel gesto alle Medie di Tavernelle da parte del sig. Bruno per onorare la memoria della madre. Dirigente Filomeni: “Il libro cartaceo è ancora molto attuale”

1PANICALE – Dono inaspettato per la Scuola Media di Tavernelle. E’ caduta su questo piccolo plesso scolastico la scelta della Famiglia Mugnaioli, di Marsciano, di regalare parte del vasto patrimonio librario di cui è in possesso. Un patrimonio costruito nel tempo dalla madre, la maestra Luisa Regni, scomparsa lo scorso anno.

Un modo per onorare la memoria di chi in vita si è tanto prodigata per la diffusione della cultura sul territorio, e un modo per assicurarsi che tale patrimonio venga adeguatamente custodito e utilizzato.

E così nei giorni scorsi Bruno Mugnaioli, figlio di Luisa, a nome anche del fratello Roberto, si è recato a Tavernelle per consegnare nelle mani della dirigente scolastica Giovanna Filomeni la raccolta completa del Grande Dizionario enciclopedico Utet (terza edizione). Un insieme di 31 volumi, comprensivi di atlante e appendici, che va così ad arricchire la biblioteca della scuola.

Un gesto particolarmente apprezzato dalla dirigente, considerato il valore culturale ed economico della raccolta. “E’ un bel segnale – ha commentato Filomeni -: il libro cartaceo non è affatto superato. Il nostro Istituto – ha aggiunto – che avvia l’anno scolastico con Libriamoci e lo conclude con il Maggio dei libri, ha scelto di fare della parola il fil rouge delle proprie progettualità con un lavoro metodico quotidiano e condiviso”.

Ad indirizzare la scelta della famiglia benefattrice è stato l’editore umbro Fabrizio Fabrizi, presente al momento della consegna dei volumi. “Il libro – per Fabrizi – stimola la ricerca, la curiosità e la capacità riflessiva e critica. E’ un utile e indispensabile strumento di conoscenza”.

Per la famiglia Mugnaioli, come spiegato da Bruno, si tratta solo della prima di una serie di donazioni a favore delle scuole, con una particolare attenzione ai plessi più piccoli e periferici. (116)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini