1PERUGIA – In oltre settecento hanno partecipato alle visite guidate alla scoperta della storia archeologica dei cinque rioni di Perugia curate da Luana Cenciaioli, direttrice del Museo archeologico nazionale dell’Umbria, in collaborazione con il Tavolo Associazioni Centro Storico di Perugia. Dopo l’illustrazione dei reperti conservati al MANU, sono state effettuiate escursioni nei luoghi urbani più significativi. Sono stati interessati i rioni di Porta Santa Susanna, Porta Eburnea, Sant’Angelo, Porta Sole, San Pietro. Un successo tanto sperato quanto inatteso.

«Siamo molto soddisfatti dei risultati conseguiti da questa collaborazione», ha affermato Gianfranco Faina del Tavolo Associazioni Centro Storico di Perugia. «Lo scopo era quello di sensibilizzare la cittadinanza alla conoscenza e alla valorizzazione del patrimonio archeologico del territorio. Siamo anche molto contenti che siano venute diverse famiglie con bambini perché proprio le nuove generazioni sono chiamate a tutelare i nostri tesori».

«In gennaio», ha aggiunto Luana Cenciaioli, «ci recheremo in visita al Museo archeologico nazionale di Firenze per ammirare reperti (un diadema, orecchini) lì conservati provenienti dalla cosiddetta necropoli (VI-III sec.a.C.) dello Sperandio».

 

  (230)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini