Denunciata la 31enne. La lite, generate dalla aggressione della moglie al diniego del marito di ulteriori soldi e delle chiavi della macchina per uscire. L'uomo è dovuto ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso

squadravolante-400x300ASSISI – È accaduto nelle prime ore del pomeriggio di qualche giorno fa quando giungeva alla Sala Operativa del Commissariato P.S. Assisi la richiesta di intervento per una lite tra coniugi a Bastia Umbra.
Giunti sul posto, gli agenti della Squadra Volante trovavano una donna, in evidente stato di alterazione alcolica, che inveiva e strattonava un uomo.

I poliziotti riuscivano a separare la donna in preda ad una furia isterica dall’uomo che, successivamente, si scopriva essere il marito; quest’ultimo perdeva in maniera copiosa sangue dal naso e dalle ferite sulla testa. La vittima veniva condotta presso il Pronto Soccorso dove gli venivano diagnosticati 10 giorni di prognosi per la contusione al cuoio capelluto e per la infrazione del setto nasale.

Nel frattempo anche lei, una 31enne di nazionalità albanese, incensurata, veniva portata in Ospedale ove, attraverso gli accertamenti sanitari, veniva circostanziato il suo stato di alcolemia.
L’uomo dopo aver ricevuto le cure del caso decideva di denunciare la moglie per le lesioni; chiarite anche le ragioni della lite, generate dalla aggressione della moglie al suo diniego di ulteriori soldi e delle chiavi della macchina per uscire.

E’ emerso anche che questo era solo uno dei tanti episodi violenti di cui negli anni era stato vittima, un italiano 45enne. Una storia di continue vessazioni subite a causa dei problemi di dipendenza dall’alcool che, nonostante le cure e l’assistenza ricevuta, non sono mai stati superati.

Gli agenti a quel punto provvedevano a denunciare, in stato di libertà per il reato di lesioni personali e maltrattamenti in famiglia la donna che, la sera stessa, per sua volontà decideva di abbandonare la casa familiare. (310)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini