LA POLIZIA DENUNCIA UN 14ENNE PER VIOLENZA PRIVATA

1ASSISI – È accaduto in una scuola secondaria di primo grado di Assisi, nel corso dell’ora della ricreazione, all’interno dei bagni.
La vittima, uno studente di 12 anni che, poco prima di uscire dal bagno dove si trovava con alcuni compagni, improvvisamente si ritrovava a terra spintonato con forza alle spalle.

Il 12enne riusciva a rialzarsi per cercare di guadagnare l’uscita, visto che conosceva il temperamento violento dell’autore del gesto, un compagno di scuola 14enne che gli si era fatto avanti.
Ma proprio in quell’istante questi gli si metteva davanti alla porta del bagno impedendogli l’uscita.

Il ragazzo cercava a quel punto, impaurito, di tornare indietro per rifugiarsi all’interno di un bagno ma veniva inseguito dall’aggressore che dopo avergli aperto la porta, gli sferrava un pugno all’altezza della tempia destra così forte da fargli sbattere la testa al muro.

Solo allora il 14enne lasciava libera la sua vittima che, in preda al terrore, rimaneva chiuso in bagno per molto tempo, fino a quando non veniva soccorso dalla collaboratrice scolastica che nel frattempo era stata allertata dagli altri compagni di classe.

Immediata la richiesta di soccorso al 118. Il 12enne veniva trasportato in ambulanza presso l’Ospedale Pediatrico di Perugia, dove gli veniva diagnosticato un trauma cranico non commotivo con una prognosi di 5 giorni.
Il giorno successivo avuta notizia di quanto accaduto, gli Agenti del Commissariato P.S. Assisi avviavano le indagini per ricostruire l’accaduto avendo intuito la gravità dell’episodio, e, acquisendo numerose testimonianze, facevano luce sulla dinamica degli eventi.

Emergeva, infatti, il contesto compatibile con fenomenologia di bullismo messo in atto dal 14enne nei confronti del suo compagno, culminata non solo con la lesione procuratagli quel giorno dentro il bagno ma, in altre occasioni di aggressioni violente.

Il 14enne di Assisi veniva così denunciato alla Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Perugia per il reato di violenza privata. (223)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini