1TERNI – Sta meglio e nelle prossime ore sarà trasferito nella clinica di Malattie infettive il 27enne che nella mattina del 20 dicembre è stato ricoverato nella Rianimazione dell’ospedale di Terni per una sospetta meningite.

Intanto gli esami hanno appena confermato la presenza di meningococco, anche se ancora non si conosce il sierotipo. Il giorno 19 dicembre un giovane ternano si è ammalato di sepsi batterica, di probabile natura meningococcica. I contatti stretti del paziente sono stati raggiunti e sottoposti allo specifico trattamento antibiotico.

Nel periodo di contagiosità, compreso tra il 12 dicembre ed il giorno del ricovero (20 dicembre), il paziente ha frequentato alcuni luoghi pubblici, in particolare la palestra “Tonic” sita in Terni via del Centenario nei giorni 12 (ingresso alle ore 17,57), 14 (ingresso alle ore 10.27) e 17 (ingresso alle ore 11,13) e la discoteca “Opificio” sita in Terni via del Sersimone il giorno 15.

Si invitano tutti coloro che hanno frequentato la palestra e la discoteca nei giorni suddetti a rivolgersi al proprio medico di medicina generale, al sevizio di continuità assistenziale (ex guardia medica) per sottoporsi alla profilassi antibiotica.
Negli adulti è raccomandata la ciprofloxacina 500 mg. in dose singola o la rifampicina 600 mg. ogni 12 ore per 2 giorni. Nei soggetti di età inferiore ai 18 anni è raccomandata la rifampicina 10 mg/Kg di peso corporeo ogni 12 ore per 2 giorni.

Il meningococco è un germe labile e non sopravvive che pochi minuti lontano dal corpo umano; non “viaggia” nell’aria ma si trasmette in via diretta da persona a persona con le goccioline di saliva o le secrezioni respiratorie (tosse, baci) o attraverso l’uso di stoviglie in comune.

L’incubazione della malattia è usualmente 3-4 giorni e può arrivare fino a 10 giorni;
I sintomi sono febbre, macchioline sulla pelle, stato generale compromesso, cefalea.
Non è raccomandata la chiusura degli ambienti frequentati dal malato né la disinfezione. I contatti dei contatti stretti del malato non sono assolutamente a rischio. (229)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini