1TERNI – Il 2019 sarà un anno particolare per la diocesi e la città, dedicato al ricordo del venerabile Giunio Tinarelli, in occasione dei 50 anni dalla traslazione delle spoglie dal cimitero al Duomo, dove si trova nel transetto di sinistra la cappella sepolcrale a lui dedicata.

La serie di celebrazioni, promosse dalla Diocesi, dall’Unitalsi, dal centro Volontari della Sofferenza, dall’associazione ex allievi dell’oratorio “Don Giuseppe Lombardi, dall’ufficio per la pastorale della Salute, avranno inizio il 12 gennaio, nel 63esimo anniversario della morte, avvenuta il 14 gennaio 1956, con il convegno “La vita fino in fondo” alle ore 17.00 presso il Museo diocesano, al quale porterà il saluto mons. Giuseppe Piemontese e con gli interventi della dott.ssa Rita Coruzzi dell’Unitalsi; della dott.ssa Maria Grazia Proietti direttore della Struttura Dipartimentale di Geriatria Azienda Ospedaliera “S. Maria” Terni; del dott. Aristide Parisi Capo dipartimento Chirurgia apparato digerente e Gastroenterologia e s.c. Chirurgia Digestiva e Unità del Fegato; dell’avv. Salvatore Pagliuca ex presidente nazionale Unitalsi.

Domenica 13 gennaio ore 9,30 Museo Diocesano sarà ricordata l’opera dell’Unitalsi e dell’accompagnamento dei malati ai santuari mariani nel convegno: “L’Unitalsi nel 161°anno delle apparizioni” a cura dell’avv. Salvatore Pagliuca. A seguire alle
ore 10,30 la  rievocazione della figura di Giunio, Silenzioso operaio della Croce CVS, da parte di Don Luigino Garofio Silenzioso operaio della Croce CVS. La giornata si concluderà con la solenne celebrazione eucaristica alle 12 nella Cattedrale di Terni presieduta da mons. Giuseppe Piemontese.

Lunedì 14 gennaio alle ore 17,30 nella Cattedrale di Terni ci sarà la santa messa e alle ore 18,30 il concerto mariano di Vittorio Gabassi con il suo gruppo, insieme ai “Giullari di Dio”.

 

Giunio Tinarelli, che morì ad appena 44 anni di cui venti trascorsi nell’immobilità, è stato un esempio immenso di vocazione alla sofferenza, con una fede incrollabile, testimoniata con forza nel dolore. Una vocazione che ha segnato la vita del giovane operaio delle Acciaierie, che ha vissuto con intensità la sua missione nel lavoro, la fatica di ogni giorno nello spirito di accettazione della volontà di Dio. Sempre presente tra i suoi coetanei e nella vita dell’oratorio, fin quando la poliartrite anchilosante e spondilite non gli consentirono più alcun movimento, ma non impedirono al giovane Giunio di essere “operaio” nel campo dell’apostolato. Nel 1948 fondò a Terni la sottosezione dell’Unitalsi, partecipando ogni anno ai pellegrinaggi a Loreto, Lourdes con il treno dei malati. Comunicò sempre questa sua grande fede agli altri anche nella sofferenza attraverso mani, penna, carta e leggio, i suoi nuovi ferri del mestiere, conversando con gli amici e con la gente che lo andava a visitare per consolarlo. Dal suo letto Giunio ha sconfitto tante illusioni che rendono triste e amara la vita degli uomini, ricordando che la felicità non sta nell’amare se stessi o nella salute o nella tranquillità, ma che la felicità e la pace stanno nell’amare gli altri.

Giunio Tinarelli ha lasciato a tutti l’esempio per trasformare una devastante malattia in occasione di redenzione e di riscatto; per trasformare un letto di dolore in una cattedra dalla quale si insegna una verità profonda e scomoda, specie ai nostri giorni: il dolore umilia la persona umana solo se vissuto nella disperazione, mentre si trasforma in occasione di forte testimonianza di fede e di coraggio, se affrontato per amore di Dio e dei fratelli.

  (128)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini