Una festa del Patrono all’insegna dell’arte. Martedì 29 gennaio apertura straordinaria dello spazio museale allestito dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e dalla Fondazione CariPerugia Arte. Con un unico biglietto si possono visitare tre percorsi espositivi

1PERUGIA – Palazzo Baldeschi celebra San Costanzo con l’apertura eccezionale dei suoi spazi espositivi martedì 29 gennaio. La festa del patrono di Perugia sarà una preziosa occasione per visitare il museo allestito nello storico immobile di Corso Vannucci dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e dalla Fondazione CariPerugia Arte, una bellezza architettonica che raccoglie la prestigiosa collezione di opere d’arte della Fondazione Cassa di risparmio di Perugia.

Da Matteo da Gualdo a Luca Signorelli passando per Gian Domenico Cerrini e fino a Gerardo Dottori, al terzo e quarto piano del Palazzo inaugurati di recente, si possono ammirare oltre 200 capolavori che vanno dal 1400 al 1900 espressione della storia artistica locale.

Il percorso espositivo si snoda nelle diverse sale suddiviso per aree tematiche: il paesaggio in tutte le sue declinazioni sei-settecentesche;  i grandi dipinti con le Pale d’altare manieristiche;  il Francescanesimo con dipinti raffiguranti il santo di Assisi provenienti da diverse scuole italiane; il Rinascimento Umbro con opere di prestigiosissimi maestri; l’arte moderna rappresentata, oltre che dal futurista Gerardo Dottori, anche dagli artisti umbri Maria Pistone, Giorgio Maddoli, Antonio Ranocchia e Gustavo Benucci.

Con un unico biglietto di ingresso si possono visitare anche la Raccolta di maioliche Rinascimentali, una delle più importanti al mondo, e la Collezione Alessandro Marabottini.
Per informazioni: Tel: 075/5724563 – palazzobaldeschi@fondazionecariperugiaarte.it; www.fondazionecariperugiaarte.it (197)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini