1PERUGIA –  Venerdì 22 febbraio gli studenti scenderanno in piazza anche a Perugia per la manifestazione nazionale contro il nuovo esame di maturità e i tagli alla scuola per 4 miliardi di euro previsti dalla finanziaria. Alla mobilitazione, promossa dal Fronte della gioventù comunista (Fgc), hanno già aderito gli studenti del liceo artistico “Bernardino di Betto”. La protesta si svolgerà nella mattinata con un corteo che partirà da piazza Italia per arrivare sotto la sede Ufficio scolastico regionale dell’Umbria.

«Ancora una volta l’istruzione è sotto attacco, con tagli da 4 miliardi di euro e una maturità stravolta a pochi mesi dall’esame – dichiara Maria Chiara Verducci, responsabile del Fgc Perugia –. Una scelta che costringe professori e studenti a cambiare programmi all’ultimo, in una corsa contro il tempo a tutto svantaggio della didattica. Altro che cambiamento: il governo Lega-Cinque Stelle, che prometteva di rivedere la Buona Scuola, oggi sposa il progetto di Renzi continuando a colpire la scuola pubblica, mentre l’Italia è agli ultimi posti nel mondo per spesa in istruzione.

Respingiamo con i professori il progetto di regionalizzazione della scuola che, dietro l’idea di autonomia scolastica, porta soltanto disastri e disgregazione di una scuola statale in ginocchio. Dagli studenti arriva una risposta coerente che rifiuta le politiche scolastiche europee e le scelte folli del governo Lega-Cinque Stelle: il 22 febbraio studenti in piazza, bocciamo il governo». (191)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini