saranno presenti dal 17 al 19 marzo al Prowein di Dusseldorf, considerata una delle fiere mondiali di riferimento per l’universo vino. Dopo la Polonia, con il successo e i riconoscimenti al Bellavita Varsavia (quello di Umbria Top è stato l’unico collettivo regionale presente), ecco in dirittura d’arrivo la Germania: il “tour” europeo e il percorso unitario dell’Umbria del vino sotto il claim ‘Umbria wine experience’ continua senza sosta, in attesa del Vinitaly ad aprile

1PERUGIA – Archiviata anche con importanti riconoscimenti la trasferta in Polonia al Bellavita di Varsavia, la “carovana” dell’Umbria del vino viaggia ancora unita e spedita verso la Germania in vista del Prowein di Dusseldorf, considerata una delle fiere mondiali di riferimento per l’universo vino e che festeggia quest’anno il 25esimo anniversario. L’Italia, tra i primi Paesi leader sul mercato tedesco, anche quest’anno resta la più rappresentata, con l’Umbria del vino che farà la sua parte.

2Sono 27 le cantine umbre, sotto “l’ala” della cooperativa Umbria Top Wines, che saranno qui presenti dal 17 al 19 marzo prossimi per proseguire senza sosta il “tour” europeo e il percorso unitario, in attesa del Vinitaly a Verona ad aprile, sotto il claim ‘Umbria wine experience’ che si fa forte di una promozione integrata sostenuta con forza dalla Regione Umbria grazie al bando PSR approvato di recente (PSR Umbria 2014-2020 Mis. 3.2.1). ProWein è una fiera dedicata soltanto ai visitatori specializzati che operano nei settori: Commercio al dettaglio, Commercio estero e all’ingrosso, Gastronomia, Settore alberghiero, Commercio di trasformazione. Il mondo del vino si ridà quindi appuntamento a Düsseldorf in Germania.

3Quasi 7mila espositori da oltre 60 Paesi (circa 1.700 quelli italiani), una panoramica sul vino unica al mondo, con 60.000 “visitatori business”. Un visitatore su due, buyer o produttore di servizi che sia, arriva dall’estero (oltre 100 Paesi diversi). All’Umbria viene riservato, ormai dal 2016, uno spazio che si trova nella stessa posizione e all’interno del Padiglione Italia (hall 16F17).

Le cantine umbre partecipanti, oltre al Consorzio Tutela Vini Montefalco, sono: Altarocca Organic Wines, Argillae, Cantina Peppucci, Cantina Todini, Cantina Tudernum, Cantine Zanchi, Cardeto, Castello di Corbara, Castello di Montegiove, Catina Goretti, Chiorri, Colle Ciocco, Colle Uncinano, Di Filippo, I Girasoli di Sant’Andrea, Le Cimate, Leonardo Bussoletti, Morami, Roccafiore, Sasso dei Lupi, Scacciadiavoli, Tenuta Bellafonte, Tenuta di Salviano, Tenuta Le Velette, Torre Bisenzio, Terre Margaritelli.

 I vini umbri, prima del Prowein, si sono ben comportati in Polonia dove, dal 7 al 9 marzo scorsi, hanno fatto bella mostra in occasione del Bellavita Varsavia per incontrare per la prima volta nella storia di Umbria Top Wines il mercato dei buyers dei Paesi dell’est. Alcune cantine umbre sono state quindi insieme a rappresentare la regione in questo appuntamento di promozione e commercializzazione e ancora una volta portando come dote la ‘wine experience’ umbra.

Molto interesse ha suscitato l’Umbria del vino, unico collettivo regionale presente, conquistando la Polonia con il gusto e il buon vino. Almeno 30 buyers si sono recati presso lo stand a degustare, una masterclass è stata dedicata a 3 vini rossi a confronto, oltre ad un tour riservato ai produttori del vino per tappe tecniche tra negozi, enoteche e luoghi del vino di Varsavia.

Le tendenze di gradimento, con preferenze verso vini con carattere e valore di territorio e soprattutto vini dolci, hanno permesso alle cantine umbre di ottenere premi e risultati soddisfacenti ai Bellavita Awards Varsavia 2019. Il primo premio ‘Take Good Awards’ è andato al Primo d’Anfora Argillae Bianco Umbria Igt. Menzione del premio: punteggio più alto come tasting per il gusto.

Ancora gusto, ma anche storia, packaging e branding, rilevanza sul mercato, innovazione, eco-sostenibilitá, sono stati poi i “punti” che hanno permesso di conquistare ulteriori risultati ad altre cantine umbre. Ad ottenere 3 Stelle Bellavita sono stati: Adanti con “Arquata Montefalco Sagrantino Docg”; Moretti Omero con “Montefalco Rosso Doc”; Zanchi con “Vignavecchia Trebbiano Umbria Igt 2013”. Invece, con 2 Stelle Bellavita sono tornati: Aliara – Signae Rossobastardo con “Benozzo Igt Umbria Rosso 2015”; Cantina Bartoloni con “Normannia 09”; Chiorri con “Etesia” e con “Sangiovese”; Morami con “Podicerri 2015 Umbria Rosso Igt”; Spacchetti S.S. – Colle Ciocco con “Tempestivo Spoleto Trebbiano Spoletino Doc 2017”.

L’ “assaggio” della ‘wine experience’ umbra ad addetti ai lavori ed enoturisti non si ferma qui, con Umbria Top – società cooperativa del vino umbro che raggruppa la maggioranza delle aziende vitivinicole regionali (attualmente può contare come soci 95 aziende umbre del settore oltre a 4 Consorzi di tutela) – che proseguirà il suo lavoro di promozione del vino umbro e di rafforzamento dell’immagine della regione nel mercato estero di settore anche in successivi appuntamenti: dopo la Germania toccherà a Verona con Vinitaly (dal 7 al 10 aprile), poi Milano (Tuttofood) dal 6 al 9 maggio ed infine a Londra (Bellavita) dal 7 al 9 novembre. Contestualmente sarà presente con 10 aziende in Usa e Canada, per un piano OCM (promozione sui Paesi terzi) per missioni diffuse nell’intero arco dell’anno. (247)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini