Centomila euro di 40 notebook al Professionale, microscopi e un laboratorio linguistico allo Scientifico. Luongo: “Vogliamo farne una scuola del terzo Millennio”

1CITTA’ DELLA PIEVE – Centomila euro di nuove attrezzature e strumentazioni tecnologiche per fare del “Calvino” una scuola del terzo millennio. E’ stata completata nei giorni scorsi la fornitura e installazione delle nuove dotazioni strumentali presso l’Istituto superiore di Città della Pieve, acquistate con i fondi strutturali europei Fesr nell’ambito del Pon 2014-2020, grazie alla partecipazione della stessa scuola a due distinti bandi: “Laboratori per lo sviluppo delle competenze di base” e “Laboratori professionalizzanti”.

2Un bel colpo quello messo a segno dal “Calvino” che in questo modo introduce più aggiornate tecnologie e rende la didattica più attiva, coinvolgente e stimolante. A beneficiare dei nuovi strumenti è in particolar modo il Professionale che d’ora in poi può contare su un totale di una quarantina di notebook, due nuove lavagne interattive multimediali, una ventina di pc “all in one” e quattro isole da sei postazioni ciascuna. Una dotazione del valore di oltre 70.000 euro, ripartita tra il laboratorio professionalizzante per la simulazione d’impresa e il “laboratorio 4.0”.

Buone notizie anche per il Liceo scientifico che, grazie alla partecipazione dell’Istituto al bando europeo, può finalmente usufruire di un laboratorio linguistico multimediale di ultima generazione e di un laboratorio di scienze che diviene in questo modo un “open lab”, spazio per una didattica attiva. In questo caso, infatti, si è potuto procedere all’acquisto tra le altre cose di quattro microscopi biologici binoculari, di tre stereomicroscopi binoculari e di una telecamera per microscopio stereoscopico, oltre ad una lim e ad un nuovo pc.

Questa operazione di innovazione tecnologica si va ad aggiungere all’implementazione che nei mesi precedenti ha interessato il neonato Liceo Musicale. In quel caso infatti, grazie alla partecipazione al bando europeo per la realizzazione di laboratori musicali nell’ambito del programma “Per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento”, era stato possibile arricchire e diversificare il parco strumenti con nuovi arrivi per un valore di circa 45.000 euro. Erano così entrati al Musicale due nuovi pianoforti (a mezza coda e verticale), un violino, una tastiera elettronica, sette cembali, una tromba, un clarinetto, un violoncello, un oboe, e altri strumenti ancora.

Soddisfatta del lavoro meticoloso che è stato compiuto insieme al Dsga Claudio Fallarino e alla docente Gloria Marucchini in fase di progettazione si dice la dirigente scolastica Maria Luongo che parla di un clima improntato ad una forte e proficua collaborazione all’interno dell’Istituto scolastico. “Non è un obbligo, né è scontato che una scuola partecipi al Pon – commenta Luongo -; la nostra lo ha fatto con grande competenza e questi sono i risultati”. Per la dirigente il “Calvino”, con la sua storia ormai cinquantennale sta facendo ogni sforzo per compiere quel salto di qualità e diventare così “scuola del terzo millennio”. “In primo luogo – riferisce Luongo – abbiamo provveduto a dotarla di infrastrutture adeguate, poi alla sua trasformazione organizzativa e didattica per stare al passo con i tempi. In particolar modo ci si è preoccupati del Professionale che necessitava di un rilancio e di una gestione più efficace degli alunni con bisogni educativi speciali”. (62)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini