1PERUGIA – Continua la XIII edizione di IJF19 tra confronti, tavole rotonde, presentazioni, keynote speech, workshop, interviste e serate teatrali. Alle 12 la Sala dei Notari ospita il talk di Matthew Caruana Galizia giornalista e ingegnere informatico. Dopo aver lavorato per cinque anni all’International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ), dal 2018 si sta dedicando all’indagine sull’assassinio della madre, Daphne Caruana Galizia, la giornalista investigativa uccisa da un’autobomba a Malta nell’ottobre 2017. È stato ingegnere capo in sei importanti inchieste: Offshore Leaks, Swiss Leaks, Luxembourg Leaks, Fatal Extraction, Panama Papers, e Paradise Papers. Il lavoro principale dell’Unità sui Panama Papers, che ha supportato le indagini di centinaia di giornalisti in tutto il mondo, ha portato la squadra di Caruana Galizia a vincere il Pulitzer nel 2017. Modera il keynote speech Mario Calabresi giornalista e scrittore.

Incontreremo Oscar Camps fondatore e direttore Open Arms, una delle più importanti ONG che in questi anni ha salvato migliaia di vite umane nel Mediterraneo. Camps sarà intervistato da Corrado Formigli Piazzapulita LA7. L’appuntamento Diritti umani e attivismo: il ruolo delle ONG si terrà alle 17 Sala dei Notari.

Sul palco del Teatro Morlacchi alle 18 parleremo del Movimento di protesta dei ragazzi sopravvissuti alla strage di Parkland nato grazie ai social media. A Perugia ci saranno Jaclyn Corin e David Hogg, cofondatori di March For Our Lives, sopravvissuti a una delle stragi più sanguinose avvenute in America: 17 vittime, di cui 15 studenti, compagni di scuola, giovanissimi. I ragazzi di Parkland hanno reagito quasi subito attivandosi e mobilitandosi. Attraverso un uso sapiente e consapevole dei social hanno organizzato un movimento – March for our lives – per fare pressione sulla politica e cambiare le leggi sul possesso della armi. Da lì non si sono mai fermati e dopo una marcia che ha visto la partecipazione 800mila persone, hanno organizzato un tour in vari Stati americani per incontrare i giovani e spingerli ad andare a votare per cambiare le cose. Il loro movimento ha ispirato una ondata di nuove legge per il controllo delle armi.

Tra i protagonisti di questa lunga giornata ricca di appuntamenti, Inna Shevchenko, la leader della Feme, il movimento di attiviste in topless che mettono in scena dimostrazioni contro il patriarcato (in particolare la dittatura), la religione e l’industria del sesso. Nel 2011 insieme ad altre due attiviste Inna è stata torturata in Russia dal KGB dopo aver protestato in topless a Minsk a sostegno dei prigionieri politici. Nel 2013 ha ottenuto asilo politico in Francia, dove ha iniziato a trasformare le Femen in un movimento internazionale. È fuggita dall’Ucraina dopo la famosa dimostrazione contro l’unione tra chiesa e Stato, quando ha fatto a pezzi con una motosega una croce cristiana alta sette metri posta illegalmente nel centro di Kiev. Inna Shevchenko sarà alla Sala dei Notari alle ore 16 con Barbara Serra di Al Jazeera English.

Torna a IJF lo scrittore e giornalista Roberto Saviano, alle ore 21 al Teatro Morlacchi. Prima di lui, sempre dal palco del Morlacchi, alle ore 19.30, l’incontro con il fumettista Zerocalcare moderato da Oscar Glioti giornalista e scrittore. I suoi fumetti sono entrati nella maggiore età: dopo diciotto anni di pubblicazioni, più di un milione di libri venduti in Italia, decine di edizioni in tutte le lingue e una mostra personale al museo di arte contemporanea di Roma.

La sentenza sulla trattativa stato mafia, le indagini per colpire la rete di copertura di Matteo Messina Denaro, e ancora la Calabria con la ‘ndrangheta che uccide, infiltra, corrompe. Queste ed altre zona d’ombra, saranno al centro dell’incontro La grande cronaca, sul campo oggi come ieri, con il Procuratore Nazionale Antimafia Cafiero De Raho con Silvia Balducci RaiNews24, Tonia Cartolano Sky Tg24 e Francesco Vitale caporedattore Cronaca TG2. (Evento in collaborazione con l’Associazione Giornalisti Scuola di Perugia, ore 12 Sala delle Colonne, Palazzo Graziani).

Il racconto della realtà. L’Italia de I dieci comandamenti. Prima volta al Festival Internazionale del Giornalismo per Domenico Iannacone I dieci comandamenti Rai 3, alle 15 nella Sala dei Notari; alle 11 al Teatro Morlacchi ci sarà il direttore TgLA7 Enrico Mentana insieme a Dino Amenduni Proforma (evento sponsorizzato da Coca-Cola Italia).

E torna a Perugia anche Beppe Severgnini direttore Sette – Magazine Corriere della Sera, con lo spettacolo Diario sentimentale di un giornalista. Alle 21.30 Sala dei Notari, con Serena Del Fiore alla consolle.

È opinione diffusa che l’attuale conflitto politico avvenga lungo la direttrice che contrappone élite e popolo. Come si identificano le élite? E cosa si intende per popolo? Ne discuteranno Paolo Flores d’Arcais direttore MicroMega ed Ernesto Galli della Loggia editorialista Corriere della Sera, due voci diverse della cultura italiana che non si sono mai sottratte all’intervento pubblico e all’impegno politico. (Evento organizzato in collaborazione con MicroMega, alle 19, Sala dei Notari).

Turismo enogastronomico: Il Caso Umbria, Regione più pop o più top? Ne discutono Fabio Paparelli Vice Presidente Regione Umbria con Delega al Turismo, Valentina Quattro portavoce di Tripadvisor Italia, Giorgio Biarchesi – Giorgione conduttore televisivo, scrittore, ristoratore “Alla Via Di Mezzo” a Montefalco, Valentino Palmisano Chef del Ristorante “Vespasia” di Palazzo Seneca a Norcia e Bruno Petronilli giornalista, enogastronomo, direttore di James Magazine. (Evento a cura della Regione Umbria, Assessorato al Turismo, ore 10 Sala delle Colonne, Palazzo Graziani).

Salute: il pericolo della disinformazione e come contrastarla, a dialogo alle ore 15 nella Sala delle Colonne, Palazzo Graziani, Luca Barberini assessore alla Salute Regione Umbria, Silvio Garattini fondatore Istituto Ricerche Farmacologiche Mario Negri, Gabriella Mecucci giornalista e saggista. Introduce Catiuscia Marini presidente Regione Umbria. (Evento a cura dell’Assessorato alla Salute Regione Umbria).

Nel corso della giornata saranno molti gli incontri incentrati sul tema dei Media sotto attacco. Da segnalare: Il caso Jamal Khashoggi, il giornalista del Washington Post ucciso nel consolato saudita a Istanbul, con Francesca Caferri La Repubblica, Iyad El-Baghdadi fellow Civita, Bobby Ghosh Bloomberg, Margherita Stancati Middle East correspondent WSJ (ore 16 Hotel Brufani, Sala Raffaello); Giornalisti uccisi: le loro inchieste sopravvivono, Cecilia Anesi cofondatrice IRPI, Carlo Bonini La Repubblica, Pavla Holcova fondatrice Investiace, Laurent Richard founder & director Freedom Voices Network (ore 17 Sala Brugnoli, Palazzo Cesaroni).

Europa dell’Est: la libertà dei media sotto minaccia, con Tamas Bodoky direttore Atlatszo.hu, Marius Dragomir direttore Center for Media, Data and Society, Boryana Dzhambazova giornalista freelance, Dragana Peco KRIK (ore 14 Sala San Francesco, Arcivescovado).

Panorama francese: i gilet gialli e i media. Affronteremo il tema con Sylvie Kauffmann direttrice editoriale Le Monde, Pierre Louette CEO Gruppo Les Echos–Le Parisien, Florence Martin-Kessler fondatrice Live Magazine e Pascal Ruffenach CEO Groupe Bayard (ore 12 Hotel Brufani, Sala Raffaello).
Con Laura Silvia Battaglia giornalista freelance, Lorenzo Di Pietro Report Rai 3, Ludo Hekman cofondatore Lighthouse Reports e Benjamin Strick Bellingcat, un incontro per Tracciare la vendita di armi all’estero dall’Italia (ore 19 Sala Raffaello); Janine Gibson giornalista, Jeff Jarvis Newmark Journalism School CUNY, Amanda Michel The Guardian, Aron Pilhofer Temple University analizzeranno Il business dell’informazione offrendo risorse e consigli pratici ai giornalisti (ore 16 Sala Brugnoli, Palazzo Cesaroni).

E ancora, parleremo delle Conseguenze della regolamentazione europea in campo tecnologico, con Jeff Jarvis Newmark Journalism School CUNY e Paul Nemitz Commissione Europea, alle 14 nella Sala Raffaello; e di come è cambiata L’intervista al potere nell’era digitale – in cui leader politici, guru e capitani d’impresa possono parlare ogni giorno a milioni di persone bypassando le domande dei giornalisti – con Dino Amenduni Proforma, Francesca Caferri La Repubblica, Luigi Contu direttore ANSA, Giuseppe De Bellis direttore Sky TG24 (evento a cura di Sky, ore 18 Hotel Brufani Sala Raffaello).

Disinformazione: “Etichette nutrizionali” per le news: come gli standard possono aiutare l’ecosistema mediatico, con Joan Donovan direttrice TSCRP Shorenstein Center, Dan Gillmor Università dell’Arizona, Dwight Knell program lead Credibility Coalition, Natalie Turvey president The Canadian Journalism Foundation (evento organizzato in collaborazione con Meedan, ore 10 Sala Brugnoli, Palazzo Cesaroni).

Qual è l’impatto della disinformazione sui diritti umani? A dibattito Alexandre Alaphilippe executive director EU DisinfoLab, Fanny Hidvegi policy manager Europa Access Now, Mira Milosevic direttrice Global Forum for Media Development, Carolina Rossini direttrice RightsCon (ore 16 Sala San Francesco, Arcivescovado); Salviamo i nostri ragazzi dalla disinformazione e dai contenuti fuorvianti, con Andrea Iannuzzi responsabile progetto Rep:, Jochen Spangenberg Deutsche Welle, Juliane von Reppert-Bismarck fondatrice Lie Detectors (ore 17 Sala della Vaccara, Palazzo dei Priori).

Diversità e inclusione: Molestie sessuali in redazione: #metoo in Egitto, con Farah Barqawi giornalista e scrittrice, Lina El Wardani Ahram Online, Fatemah Farag fondatrice Welad Elbalad Media Services, Donia Kamal giornalista e scrittrice (ore 12, Palazzo Sorbello); Sfida di talenti: come attirare le persone giuste per rendere le redazioni più diverse e sostenibili, con Alexandra Borchardt director leadership programmes RISJ, Meera Selva Reuters Institute for the Study of Journalism, Joanna Webster managing editor strategy & operations Reuters, Zuzanna Ziomecka founder and editor-in-chief NewsMavens (ore 10, Palazzo Sorbello).

A cura di Gruppo Nestlé Italia, alle ore 16 nella Sala delle Colonne l’incontro dal titolo Da Seneca, a Fedez, and beyond: il Bacio Perugina. Dal cartiglio ai Social, da cioccolatino a simbolo comunicativo (quasi) centenario, cosa ci insegna dei media questa icona del Made in Italy. Con Cristiano Carriero co-fondatore La Content Academy, Manuela Kron direttore corporate affairs Gruppo Nestlé Italia, Giuseppe Stigliano direttore generale Wunderman Thompson, Doris Zaccone Radio Capital.

Eventi in live streaming – Tutte le sessioni saranno trasmesse in diretta sul sito, nella scheda di ogni evento, sul canale YouTube e sulla piattaforma video di IJF, dove è possibile seguire gli eventi in diretta oppure on demand, con l’archivio delle edizioni passate.

Per consultare l’intero programma della giornata e del festival: qui

Il programma può subire variazioni indipendenti dalla volontà dell’organizzazione.

  (158)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini