A Verona il padiglione ‘Umbria wine experience’ del cuore verde d’Italia targato Umbria top wines e Regione Umbria - strutturato come un’isola felice per rilassarsi, abbandonando i rumori e il brusio della fiera - evocherà le atmosfere, i suoni, il buon vivere e i sapori tipici di questa terra con speciali degustazioni sensoriali e cooking show in abbinamento ai vini dei vari territori

1PERUGIA – Per l’Umbria e per i suoi produttori il Vinitaly rappresenta un’occasione importante per la promozione dei vini e per l’incremento degli scambi commerciali, oltre che per far conoscere i territori e le altre tipicità della regione. Tutto è pronto quindi al padiglione Umbria per il Vinitaly edizione 2019. Con l’Umbria wine experience, il claim promozionale scelto da Umbria top wines che organizza e coordina la trasferta veronese, si è scelto quest’anno di far vivere un’esperienza unica. Ad accogliere i visitatori ci sarà infatti un’area ideale per rilassarsi, abbandonando per un attimo i rumori e il brusio della fiera. Una sorta di “salotto immersivo” in cui, grazie a speciali cuffie wireless, il fruitore potrà isolarsi e proiettarsi nei suoni e nei colori dell’Umbria con video specifici da abbinare ai vini in degustazione.

E l’Umbria del vino, unica e plurale, si presenta così a Verona con tutte le sue caratteristiche e con 54 cantine presenti sotto la stessa “bandiera”. Sotto i riflettori una produzione eccellente per una regione dall’identità spiccata ma capace di far emergere differenze al suo interno e numerose variazioni sul tema: sottozone e territori parlano così la lingua delle uve e dei vini del posto tra passato e contemporaneità.

A Verona il padiglione targato Umbria top wines (società cooperativa del vino umbro che raggruppa la maggioranza delle aziende vitivinicole regionali) e realizzato grazie alla Regione Umbria (bando PSR Umbria 2014-2020 Mis. 3.2.1) evocherà le atmosfere, i suoni, il buon vivere e anche i sapori tipici di questa terra con speciali degustazioni (“I 5 sensi nelle terre dei 5 Gal”) narrate e raccontate dal critico enogastronomico Antonio Boco e cooking show (“Eccellenze d’acqua dolce”) curati dallo chef Giancarlo Polito. Sotto i riflettori gli abbinamenti “sensoriali” tra i prodotti gastronomici dei territori umbri (tra cui pesce di lago, di acqua dolce e prosciutto di Norcia) e i loro vini.

Tanti quindi saranno gli appuntamenti realizzati in collaborazione con i Consorzi di tutela dei vini di Montefalco, Torgiano e Orvieto, Assogal Umbria (Media Valle del Tevere, Ternano, Valle Umbra e Sibillini, Alta Umbria, Trasimeno-Orvietano) il neonato Consorzio Umber (cantine cooperative umbre), il Consorzio di tutela del Prosciutto di Norcia Igp, il Parco tecnologico agroalimentare dell’Umbria 3A e il Feamp (Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca) per la promozione di prodotti della pesca professionale e dell’acquacoltura regionale.

Nel calendario delle iniziative al Vinitaly, infine, sono previsti molti momenti d’incontro, presentazioni e convegni, oltre alle iniziative BtoB dedicate alle delegazioni estere di buyers inviati da VeronaFiere e ICE.

Particolarmente intensa l’attività convegnistica, con dei seminari a cura del Parco tecnologico agroalimentare dell’Umbria 3A, che inizierà già domenica 7 aprile (ore 15.30) con “Innovazione, Territorio e Sostenibilità ambientale: i progetti finanziati dall’intervento 16.2.2 del PSR per l’Umbria”. Grazie a questa misura infatti molte aziende vitivinicole umbre hanno potuto sviluppare i propri progetti innovativi. Ad introduzione ai lavori sarà Giuliano Polenzani (Servizio Innovazione, Promozione, Zootecnia, Irrigazione e Fitosanitario della Regione Umbria) e poi seguiranno gli interventi di: per “Progetto Valorizzazione del Grero di Todi” Marcello Rinaldi, dirigente IIS Ciuffelli-Einaudi Todi (capofila), Cantina Zazzera, Cantina Tudernum; per “Progetto Ciliegiolo 2.0” Roberto Luneia, Analysis srl, Cantina Collerolletta (capofila), Cantina Giro di Vento; per “Progetto Vita” Elena Brunori, Dafne, Università della Tuscia e Pierpaolo Chiasso, Cantina Falesco (capofila); per “Progetto Agroclim Technology” Mattia dall’Orto, Cantina Caprai (capofila); per “Progetto Spatial Meteo Dss” Chiara Lungarotti, Cantina Lungarotti (capofila); per “Progetto Made Green Umbria” Susanna Bianconi, Cantina Bianconi (capofila). Le conclusioni saranno di Fernanda Cecchini, assessore all’Agricoltura Regione Umbria.

Lunedì 8 aprile (ore 11) saranno svelati i primi risultati del Gruppo Operativo “WISHELI – Sviluppo di nuove tecniche di produzione per il miglioramento della shelf-life dei vini umbri”. I Gruppi Operativi sono l’anima del Partenariato Europeo per l’Innovazione “Produttività e sostenibilità dell’agricoltura”. Intervengono: Giuliano Polenzani per la Regione Umbria, Riccardo Cotarella e Pier Paolo Chiasso (Cantina Falesco), Pompeo Farchioni, Cantina Terre de la Custodia, Andrea Bellincontro, Università della Tuscia,   Stefano Ferrari, Isvea, Albano Agabiti e Roberto Montagnoli, Coldiretti Umbria, ed infine Fernanda Cecchini, assessore regionale all’agricoltura.

Martedì 9 aprile (ore 11), invece, i primi risultati del Gruppo Operativo “SM@RT METEO: sviluppo di un sistema innovativo agro-metereologico e di monitoraggio fitopatologico a supporto delle imprese agricole”. Intervengono: Alessandro Sdoga e Luca Pacicco, Cratia srl – Confagricoltura, Marta Soccolini – Gruppo Operativo “SM@RTMETEO”, Antonio Natale, Team Dev srl, Paolina Cerlini, Ciriaf – Università di Perugia,            Filippo Antonelli, Consorzio Tutela Vini Montefalco, Maria Teresa Severini, Consorzio Tutela Vini Torgiano, Vincenzo Cecci, Consorzio Tutela Vini Orvieto.

Mercoledì 10 aprile (ore 11), Network, Multifunzionalità e Sostenibilità Ambientale del settore vitivinicolo: i primi risultati dei Gruppi Operativi “Multinet” e “LCA – Life Cycle Assesment delle filiere olivicole e vitivinicole”. Il seminario affronterà la tematica della trasformazione dei modelli di Business delle aziende agricole nell’ottica della multifunzionalità e sostenibilità ambientale. Intervengono: Albano Agabiti, Coldiretti Umbria, Roberto Montagnoli, GO Multinet, Gaetano Martino, DSA3 – Università di Perugia, Livia Arcioni, Tree srl, Pompeo Farchioni, Cantina Terre de la Custodia, Filippo Iodice, CEO UptoEarth, Giulio Monaldi, CTO UptoEarth.

Domenica 7 aprile, alle ore 12, è in programma l’inaugurazione del padiglione Umbria (PAD. 2, A9/E10) con la presentazione delle varie iniziative. Interverranno: la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, l’assessore alle politiche agricole e agroalimentari della Regione Umbria Fernanda Cecchini e Francesco Strangis, presidente Umbria Top Wines. Presenta Antonio Boco, critico enogastronomico. A seguire cooking show “Eccellenze d’acqua dolce”, a cura di chef Giancarlo Polito, finanziato da Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (Feamp).

  (195)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini