comune-0ASSISI – Da Giorgio Bartolini, Emidio Fioroni e Moreno Fortini riceviamo e pubblichiamo. I cittadini lamentano le pesanti spese per la nettezza urbana in Assisi. Ma il peggio deve ancora venire se è vero, come è vero, che, a seguito dell’aumento dell’AURI, il costo della nettezza urbana in Assisi aumenterà di un ulteriore 10% rispetto all’anno precedente. Si potrebbe evitare questo aggravio di spese alle famiglie, alberghi, ristoranti, attività commerciali e artigianali già sottoposti ad elevate pressioni anche per l’IMU? Certamente sì! Basterebbe infatti che l’amministrazione comunale a guida Proietti che, tra l’altro, già incasserà nel 2019 oltre un milione di euro per l’imposta di soggiorno, tagliasse gli elevati costi per cerimonie, eventi, manifestazioni improduttive, utili solo alla promozione dell’immagine personale della sindaca e che non migliorano in nulla la vita culturale e sociale della città.

Lo stesso dicasi dei numerosi contributi a pioggia a favore di enti e associazioni la cui attività difficilmente produce effetti positivi reali sulla società e l’economia nel territorio. Tagliare queste spese improduttive e inutili aiuterebbe le casse del Comune e risparmierebbe ai cittadini l’ennesimo salasso sulla nettezza urbana.

Questo è quanto pensiamo sia giusto fare, ma non ci facciamo troppe illusioni: la stangata arriverà, eccome! (160)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini