1ASSISI – L’Associazione Dsa Assisi, che si occupa dei soggetti dislessici, ha realizzato ieri, 14 aprile, un Pranzo Sociale presso l’Hotel Domus Pacis, per promuovere le iniziative associative. L’evento ha riscosso un  successo di pubblico, con circa 200 partecipanti. Sono intervenuti rappresentanti dei Comuni di Assisi e di Bastia Umbra. Ringraziamo i rappresentanti degli Assessorati alle Politiche Scolastiche presenti all’iniziativa, la cui partecipazione è stata molto gradita. L’Associazione Dsa Assisi ringrazia inoltre il comune di Assisi che ormai da anni, supporta economicamente l’attività svolta nelle scuole.

La storia dell’Associazione Dsa Assisi ha avuto inizio 6 anni fa, proprio qui nella città di Assisi, quando un gruppo di genitori, delusi dalla scarsità di servizi offerti dalle strutture pubbliche, ha deciso di costituirsi in associazione, per rendere fruibile, da parte di chiunque, il supporto allo studio per tutti quei bambini e ragazzi che, purtroppo, da soli non ce la fanno a vivere autonomamente il proprio percorso scolastico.

Nel corso del tempo è divenuta, grazie alla professionalità dei propri collaboratori, un interlocutore privilegiato degli enti locali ed ha creato legami con il mondo della scuola e delle famiglie, specialmente con  quelle che, avendo figli con disturbi specifici di apprendimento, non avevano idea di come farsi aiutare.

Il rappresentante dell’Assessorato alle politiche scolastiche di Assisi  ha sostenuto che “la collaborazione con l’Associazione Dsa da parte di Comune e scuole è fondamentale per dare risposte efficaci alle famiglie che hanno figli “speciali”. Si tratta di una azione importantissima per garantire l’equità dell’istruzione. Ascoltare le storie di sofferenza e di coraggio di alcuni di questi ragazzi straordinari fa prendere coscienza di una problematica troppo spesso sottovalutata o poco conosciuta. Basta cambiare il punto di vista, utilizzando metodi formativi specifici e strumenti adeguati, per far partire tutti alla pari.

(119)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini