1BASTIA UMBRA – Domenica 5 Maggio alle ore 18, presso l’Auditorium Sant’Angelo di Bastia Umbra, terzo ed ultimo appuntamento con FUORI CLASSE, un programma di eventi realizzato a cura dell’Associazione Faremusica in collaborazione con l’Ufficio Cultura del Comune di Bastia Umbra, in cui sono protagonisti i Maestri della Scuola di Musica Comunale.
Dopo il grande successo di pubblico riscosso nei primi due concerti, la chiusura sarà affidata alla Musica moderna. Nella prima parte si esibiranno Elisa Tonelli (chitarra e voce) e Tiziana Frattali (fisarmonica) con un estratto del loro “L’anima è bambina”, mentre nella seconda parte spazio al jazz con Massimo Pucciarini (pianoforte) e Graziano Brufani (contrabbasso).

L’ANIMA E’ BAMBINA
Elisa Tonelli, voce e chitarra
Tiziana Frattali, fisarmonica
“La Bambina/anima è delle donne e degli uomini, parla a ciascuno di bambina, solo che spesso sono più forti le voci esterne, e quindi bene venga mettere insieme narrazioni femminili con il desiderio che questa Bambina ci risvegli”. Viola Buzzi

‘ROUND JAZZ
Massimo Pucciarini, pianoforte
Graziano Brufani, contrabbasso
Il Jazz oltre ad essere uno stile musicale è un particolare processo di produrre musica. Consiste nel creare un minuto di musica in un minuto di tempo, mentre quando si compone a volte sono necessari tre mesi per ottenere un minuto di musica. Per ragioni storiche, per origini e per il ruolo che ricopre nella musica e nella cultura americana, consideriamo il jazz come un mezzo stilistico, ma, in senso assoluto, è soprattutto un processo creativo spontaneo. Quindi i grandi musicisti del passato come Chopin, Bach, Mozart o chiunque improvvisasse e fosse in grado di creare musica sul momento, stava, in un certo senso, suonando Jazz.

A tale proposito, una dichiarazione del M° Egidio Flamini, Presidente dell’Ass. Faremusica: “Già prima della sua conclusione è possibile affermare che FUORI CLASSE sia stato un esperimento pienamente riuscito e dunque l’appuntamento sarà senz’altro per il prossimo Settembre quando prenderà il via un calendario di eventi della stessa qualità e numericamente ben più numeroso.”

 

  (129)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini