1TERNI – «Apprendiamo con plauso la recente notizia che il sindaco Latini abbia deciso di portare avanti un’operazione di controllo sistematico e puntuale dei negozi che vendono la cosiddetta cannabis light perché siamo convinti che esercizi del genere non possano essere d’aiuto per la collettività, in particolare per i soggetti più a rischio, come i giovani». Interviene così Caterina Agrò, candidata al Parlamento Europeo per il Popolo della Famiglia, in merito alle dichiarazioni rilasciate dal primo cittadino nei giorni scorsi con cui ha manifestato la volontà di affrontare la questione degli esercizi commerciali che rivendono la cannabis legale.

«Già questa estate ci eravamo rivolti ed appellati al sindaco affinché prendesse provvedimenti seri al riguardo, pertanto siamo soddisfatti della sua presa di posizione attuale per vari motivi. Prima di tutto perché c’è un parere del Consiglio superiore della sanità che sconsiglia espressamente la vendita di tale prodotto, dal momento che, nonostante in molti continuino a rimarcare che la cannabis light sia innocua data la bassa percentuale di THC, non si conoscono gli effetti conseguenti una continua e costante assunzione e collegati anche all’età, a particolari patologie e allo stato di gravidanza. L’organo veramente competente in materia quindi raccomanda di non consentire la libera vendita della cannabis legale a tutela della salute individuale e pubblica. In secondo luogo vogliamo porre l’attenzione, come abbiamo già fatto in passato, sulla reale possibilità che i negozi di cannabis light possano essere un punto di riferimento importante per gli spacciatori per agganciare i propri clienti, soprattutto i giovani. Pertanto chiediamo al sindaco di perseverare fino in fondo in questa direzione per impedire che la nostra città possa diventare ancora più preda della microcriminalità organizzata», ha concluso Caterina Agrò, auspicando che l’iniziativa non sia un fuoco di paglia con intenti elettorali, ma abbia a cuore il contrasto vero a qualsiasi dipendenza. (158)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini