1PERUGIA, 3 giugno 2019 – Con la primavera sono tornati a fiorire anche gli scacchi. Era dalla mitica sfida di Spassky-Fischer del 1972 che non si registrava nella nostra regione un ritorno così massiccio a questa affascinante attività sportiva. Infatti, molti sono gli aspetti positivi che sono propri degli scacchi. Servono come palestra che allena la mente, sono una materia formativa che sviluppa la creatività, la razionalità e la capacità di analisi. Ma allo stesso tempo sono diventati, per gli anziani, un antido naturale per prevenire l’Alzheimer. Per i giovani, la valida alternativa al mondo virtuale e a quello dei telefonini.

Senza poi contare che mettersi davanti ad una scacchiera è diventato anche un momento ludico sociale e culturale importante. Anche in Umbria molte le città (Perugia, Terni, Foligno, Castiglione del Lago, Città di Castello, Corciano, Foligno Gubbio, Ponte Felcino, San Feliciano, San Martino in Campo ed in Colle, Spoleto, Tavernelle) e gli ambiti dove si può imparare e giocare a scacchi.

Tante e, tutte di di rilievo, le manifestazioni sia che sono in cantiere, sia che stanno svolgendo nel nostro territorio. Fra queste va segnalato che sabato 25 maggio si è svolto presso i locali dell’associazione il Gabbiano di San Martino in Campo l’incontro di scacchi a squadre tra le scuole primarie di San Martino in Campo e San Martino in Colle terminato con la vittoria della sezione di San Martino campo per 5 a 4. L’evento è parte di un programma che prevedeva un corso tenuto dall’esperto scacchista Marco Governatori durante l’anno scolastico ed ideatore dell’interessante e prezioso progetto “Scacchi e discipline bionaturali” in collaborazione .con l’A.S.D Scacchi Augusta Perusia. Lo scopo è diffondere le attività tra studenti che lo utilizzano come supporto all’attività formativa ed anziani che lo utilizzano come sostenuto all’attività preventiva di patologie.

Nella foto Governatori, Bertolini, Ceccarelli, Marchini. (140)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini