Agenzia funebre nei guai?

1SPOLETO, 3 giugno 2019 – Il 16 maggio la dirigente del comune, Dina Bugiantelli, e il responsabile dei servizi demografici Maurizio Luciani, hanno de nunciato con un esposto alla Procura della Repubblica e alla Corte dei Conti operazioni di polizia mortuaria poco chiare. L’agenzia funebre “infedele” versava, per i servizi di polizia mortuaria, la tariffa dovuta e subito dopo, la stessa cifra, risultava modificata con importi inferiori. I bonifici della agenzia di pompe funebri, erano eseguiti col sistema web banking. Pertanto, il Comune, visti i conti ha diffidato l’agenzia a saldare quanto dovuto. Intanto, si stanno passando alla ente d’ingrandimento anche le operazioni di altre agenzie, per verificare meglio tutte le operazioni, riguardanti le tumulazione in loculi e l’inumazione. Per la tumulazione, fino al 2018, la spesa andava da 140 euro a 340 per l’inumazione.

  (115)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini