Ecco il programma dell’ultima giornata, domenica 9 giugno, tra gioco, sperimentazione, tecnologie e rispetto dell’Ambiente

1PERUGIA, 8 giugno 2019 – Calarsi virtualmente all’interno
di un vulcano, imparare a conoscere gli scienziati che si sono dedicati alla difesa del Pianeta, giocare e interagire con installazioni artistiche viaggiando tra foreste magiche ed enormi vivai colorati, far suonare le piante con una carezza, programmare robot e sensori riflettendo sull’importanza della sostenibilità per la salvaguardia e il futuro della Terra. Sono solo alcune delle tantissime attività in programma nell’ultima giornata di KIDSBIT Festival 2019, domenica 9 giugno dalle ore 11 fino alle 21 nei due spazi espositivi, trasformati in luoghi di sperimentazione: il Centro Sevizi Alessi e la Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia.

A cura di Rivista Micron e Arpa Umbria lo spettacolo “CUSTODI DI FUTURO”, dalle 18.30 alle 19.15 al Centro Servizi Alessi; un racconto sula ricerca e sulla vita di quelle donne e quegli uomini che hanno dedicato la propria esistenza allo studio e alla difesa del Pianeta. Donne e uomini i cui volti compongono anche una mostra di illustrazioni di Francesco Montesanti in collaborazione con Rivista Micron.
Dalle ore 13 alle 16 al Centro Camerale Alessi, VR Experience: attraverso un visore VR sarà possibile calarsi all’interno
di un cratere e raggiungere
le profondità della Terra per vivere un viaggio emozionante e unico. Lo scenario che si presenterà ai visitatori sarà straordinario. In collaborazione con Valerio Lombardo, geologo INGV.
Nella Galleria Nazionale dell’Umbria, dalle ore 11 alle 18, 4 laboratori digitali ispirati alla mostra “Bolle di sapone. Forme dell’utopia tra vanitas, arte e scienza”, in cui i bambini dai 5 ai 14 anni vivranno esperienze uniche per riflettere sulla sostenibilità, giocando con Robot programmabili, Automi e Sensori (laboratori realizzati a cura di Cooperativa Densa in collaborazione con Galleria Nazionale dell’Umbria e MR*Digital by Montirusso).

Nello spazio espositivo del Centro Camerale G. Alessi sarà possibile interagire con quattro installazioni: “Alberi Bambini”, a cura di Listone Giordano, riflette sul rapporto tra uomo e pianta e, attraverso uno scambio mediato da un circuito elettrico, genera un suono; all’interno del corner della Regione Umbria “x Un Mondo + Bello Riduci- Riusa-Ricicla Insieme a Me”, un gioco per visualizzare il ciclo e le modalità in cui i rifiuti si trasformano. Con “Bloom”, dell’artista canadese Maotik, gli spettatori saranno trasportati all’interno di un vivaio digitale in cui, sfiorando un petalo sbocciano enormi fiori colorati; “Magic Forest”, spazio ideato e sviluppato da Benjamin Rabe, creerà illustrazioni oniriche e sistemi di rilevazione del movimento che trasformeranno grandi e piccoli in alberi in crescita.

E ancora, sempre al Centro Alessi, dalle 14 alle 17.30, spazio al gioco e alla sperimentazione grazie alla diverse postazioni in cui i bambini sono liberi osservare e toccare materiali e strumenti. Videomapping Atelier: disegni, collage e animazioni realizzate dai bambini saranno proiettati all’interno di forme geometriche tridimensionali creando un vero e proprio videomapping.
Generazioni di Videogiochi: uno spazio dotato di console del 20° e 21° secolo per giocare con videogame che stimolano l’immaginazione, catalizzano la curiosità, aprono porte verso nuove prospettive e interessi esplorando i temi dell’ambiente. Eppela Corner: un’installazione realizzata grazie alla campagna di crowdfunding su Eppela per sensibilizzare bambini, ragazzi e famiglie sulla necessità di ridurre i rifiuti e sull’importanza del riciclo.

Le isole che non c’erano: alcune ricerche prevedono che nel 2030 nel mare ci sarà più plastica che pesci. I rifiuti formano delle vere e proprie isole di plastica. Un esperimento a cura di Beatrice Castellani del CIRIAF ci mostrerà l’origine di questo fenomeno.
La città suona, il laboratorio sensoriale trasporterà i bambini in un viaggio multisensoriale dedicato a suoni, rumori e voci della città contemporanea. (189)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini