1ASSISI, 8 giugno 2019 – Martedì 11 giugno la Fiaccola dell’Universiade 2019 passerà per Assisi. Un evento carico di significato perché la fiamma dell’Universiade rappresenta la luce che guida i tedofori verso la competizione internazionale che si svolgerà a Napoli. Il programma prevede la partenza della Fiaccola alle 15 presso la Basilica di San Francesco e l’arrivo in Piazza del Comune dove si terrà un momento istituzionale. I quattro tedofori sportivi che percorreranno 200 metri ciascuno con la Torcia sono la campionessa di taekwondo Giada Al Halwani, il campione del mondo di canottaggio e argento olimpico Bruno Mascaregnas, il campione olimpico di pugilato Roberto Cammarelle e la campionessa europea di equitazione Costanza Laliscia.

I saluti istituzionali saranno tenuti dal sindaco di Assisi Stefania Proietti, dall’assessore allo sport Veronica Cavallucci, dal direttore della Sala Stampa della Basilica di San Francesco Padre Enzo Fortunato e dal responsabile area sport dell’Agenzia regionale Universiadi Roberto Outeirino Uceda.

“E’ un grande onore – ha affermato l’assessore Veronica Cavallucci (nella foto) – accogliere il passaggio della Fiaccola dell’Universiade nella nostra città che rappresenta nel mondo il simbolo della religiosità, della fratellanza e della pace. A proposito di valori universali abbiamo il dovere di perseguire e diffondere quelli che sono alla base di uno sport sano, vale a dire la lealtà, la collaborazione, il rispetto dell’avversario, il sacrificio. Per questi motivi abbiamo deciso come amministrazione di ‘sposare’ l’iniziativa e adoperarci per l’organizzazione dell’evento. E’ infine da sottolineare la scelta dei luoghi di partenza e di arrivo della Fiaccola, la Basilica cuore del francescanesimo e Piazza del Comune, l’agorà della comunità”.

L’Universiade o Olimpiade Universitaria, giunta alla sua trentesima edizione in versione summer, si svolgerà dal 3 al 14 luglio a Napoli, dopo che la Fiaccola (e con essa il forte messaggio) avrà attraversato tutto il Paese.

  (169)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini