corciano_22-2CORCIANO, 12 giugno 2019 – Rifondazione Comunista di Corciano esprime preoccupazione per la politica di urbanizzazione perseguita dall’attuale Amministrazione Comunale. Il Consiglio Comunale di Corciano, infatti, con il solo voto contrario del Movimento 5 Stelle, ha approvato una variante al Piano Regolatore vigente che prevede la diminuzione dell’area destinata a verde pubblico (dal 30% al 10%) nella zona PRA 54, nella parte alta di Chiugiana. In nome del costruire si distruggono le previste aree verdi di una zona già drammaticamente urbanizzata, con problemi rilevanti di traffico, con conseguenze gravi per vivibilità e salute, come la frazione di Ellera- Chiugina.

Ci chiediamo quale sia l’interesse pubblico che giustifichi una variante di tale portata, che annulla di fatto l’area verde in cambio di “interventi di manutenzione”, si legge nel testo, ed altre opere da realizzare in una zona confinante, che oltre ad esser definite in modo vago, dovrebbero spettare al Comune.

L’unico modo per fare l’interesse della collettività è mettere in pratica una politica di salvaguardia delle aree destinate a verde pubblico rimaste e di valorizzazione delle stesse.

Favorire l’edificazione ad ogni costo, in zone tanto urbanizzate invece di incentivare la piantumazione e l’analisi dell’inquinamento dell’aria in quelle zone del Comune che presentano un grande flusso di traffico, ci allarma e come cittadini ci spinge a vigilare su queste e simili decisioni.

Corciano, secondo l’ultimo rapporto ISPRA, è il secondo Comune in Umbria (dopo Bastia Umbra e prima di Terni), con maggior consumo di suolo.

Riteniamo inopportuno, sia per impedire operazioni speculative, sia sotto il profilo ambientale, sia per promuovere l’economia sostenibile (puntando al recupero delle aree dismesse), autorizzare varianti alla destinazione d’uso dei terreni.

E’ necessario quindi vigilare su tali scelte che vanno verso un aumento del consumo del suolo e impegnare l’amministrazione alla salvaguardia del nostro territorio.

(62)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini