1Foligno, 16 giugno 2019 – Non è stata una Quintana entusiasmante, perchè sono andati in finalissima solo cinque binomi. Ha vinto la Sfida il rione Pugilli con  Pierluigi Chicchini, il 29enne cavaliere folignate, detto il Moro, che ha battuto il favorito Luca Innocemzi del ruone Cassero. Luca ha abbattuto una bandierina, proprio nella terza tornata, dopo aver giostrato due tempi facendo fermare il cronometro a 52.12 (record di pista che detiene dallo scorso anno) e 52.60 nella semifinale. I puellarri hanno subito invaso il campo, qunaod Luca ha sdraiato la bandierina, ma è subito insorto il rione La Mora presemntando ricorso alla Giuria. Si sapeva, infatti, che  non si poteva invadere il campo fino a quando il cavbaliere non consegna gli anelli e non lasciava la pista. Ci sono stati momenrti di tensione fra le parti, infine la giuria, presieduta da Mariano Angioni, si è allontanata dal tavolo per verificare bene il regolamento e decidere a chi sarebbe andata kla vittoria. Il cavaliere Mattia Zannorio di san gemini, infatti, era secondo con il tenpo totale di 2.41.47.

Dopo mezz’ora, mentre gli animi si scaldavano e il vice questore Briuno Antonini temneva per l’ordine pubblici, il verdetto letto direttamente da Angioni: il divieto di invasione di campo è una regola non scritta, quindi il OPugilli si aggiudicava il palio della Sfida. Una bella vittoria per il giovane folignate  che si è visto ultimanente scivolar via di mano il bis in un paio di occasioni. Pierluigi ha dimostrato di essere dimostrato tutte le sue qualità confermandosi un cavaliere sicuramente  tra i migliori della Quintana.
Ha lavorato sodo per confermarsi e rimanere sul podio, proprio come è avvenuto nelle ultime Giostre.  Il popolo dell’Aquila Nera ha fatto le ore piccole in taverna.  Nella terza tornata ha sbagliato il prino anello Lorenzo Paci del Morlupo (tempo totale 2.39.81) e così pure Marco Diafaldo dell’Ammanniti (2.43.44). Nella prima tornata sono clamorosamente usciti di scena Alessandro candeloro del Giotti che ha sbagliato il terzi anello e abbattuto una bandierina, Cristian Cordari del badia che proprio sul rettilinea ha sdraiato la bandierina (errore mai commesso da nessuno), poi non ha infilato un anello, Daniele Ravglia del Contrastnaga che ha abbattuto una bandierina. Nella semifinale è uscito di scen il campione, Massimo Gubbini che non ha carpiro lanello dal dio Marte. (243)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini