Dal Ministero dell’Ambiente i fondi per avviare progettualità ed interventi nei Comuni del Parco finalizzati a mitigare l’impatto del cambiamento climatico

1Visso, 21 giugno 2019 – “È con soddisfazione che posso annunciare un’altra importante opportunità per il Parco Nazionale dei Monti Sibillini: l’Ente infatti è destinatario, insieme ad altri Parchi, di un importante finanziamento da parte del Ministero dell’Ambiente, pari a circa 3 milioni e 800 mila euro, in merito a proposte progettuali per la realizzazione di interventi finalizzati alla mitigazione e all’adattamento ai cambiamenti climatici”. Esordisce così Alessandro Gentilucci, presidente pro tempore dell’Ente nonché sindaco di Pieve Torina, alla comunicazione pervenuta da Roma agli uffici del Parco in questi giorni. In sostanza l’Ente potrà disporre di fondi, acquisiti sulla base dei risultati delle aste delle quote di emissione di CO2, per interventi afferenti alle seguenti tipologie:

  • adattamento ai cambiamenti climatici;
  • efficientazione energetica del patrimonio immobiliare pubblico in disponibilità del Parco nonché degli enti locali rientranti nel territorio del Parco e realizzazione di impianti di piccola dimensione per la produzione di energia da fonti rinnovabili;
  • realizzazione di servizi e infrastrutture di mobilità sostenibile;
  • gestione forestale sostenibile.

Le proposte progettuali dovranno essere trasmesse al Ministero dell’Ambiente entro venerdì 2 agosto.

“Si tratta, a mio parere, di una occasione da cogliere, che consentirà di traghettare risorse in tutto il territorio del Parco” prosegue Gentilucci. “Il fatto poi che i fondi possano essere destinati ad interventi di efficientazione energetica del patrimonio immobiliare degli enti locali e a servizi di mobilità sostenibile rende questo scenario ancor più interessante poiché apre a prospettive di sviluppo del territorio in linea con quelle che sono le priorità del Parco”. Il Parco dunque come volano di risorse importanti per tutta l’area dei Sibillini. “Di nuovo un ruolo di regia territoriale che dovrebbe naturalmente competere a questo ente” insiste Gentilucci “su un piano strategico fondamentale qual è il grande tema del cambiamento climatico con cui saremo sempre più chiamati a fare i conti. Sono particolarmente felice di poter annoverare anche questo ulteriore riconoscimento al Parco durante il mio mandato di presidenza pro tempore dell’ente. In questo periodo non siamo certo stati con le mani in mano e i risultati cominciano a vedersi. La cosa importante è che il dialogo proficuo e collaborativo tra Parco ed enti locali continui anche in futuro”. (148)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini