DA SABATO 29 GIUGNO PARTE LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DEL TRAFFICO NEL CENTRO STORICO. SARA’ CHIUSA PIAZZA DEL COMUNE. I GIORNI DA BOLLINO ROSSO E GIALLO. IL VICESINDACO STOPPINI: “UNA CITTA’ PER TUTTI”

vicesindaco-stoppiniASSISI, 29 GIUGNO 2019 – Da sabato 29 giugno e fino al 6 gennaio 2020 scatta la nuova regolamentazione della viabilità (zone a traffico limitato) nel centro storico di Assisi. La nuova disciplina tiene conto dei consistenti flussi turistici che sono previsti in determinati periodi dell’anno, a cominciare dalla stagione estiva, e in particolare della notevole presenza di pedoni che affollano le strade, le piazze e i vicoli della città. Le novità riguardano i giorni di traffico da bollino rosso e quelli da bollino giallo, individuati a seconda della presenza dei flussi turistici. La prima decisione della giunta guidata dal sindaco Stefania Proietti riguarda Piazza del Comune che sarà interdetta alla circolazione per tutte le 24 ore e potranno transitare solo i mezzi di soccorso e delle forze dell’ordine.

I giorni più “caldi”, quindi da bollino rosso, sono il 30 giugno, le domeniche di luglio (7, 14, 21, 28), le domeniche di agosto (4, 11, 18, 25) più il 12 e il 15 del mese; le domeniche di settembre (1, 8, 15, 22, 29), le domeniche di ottobre (6, 13, 20, 27) più il 4 e il 5; il primo week end di novembre (1-3); le domeniche di dicembre (1, 8, 15, 22, 29) più il 25, 26 e 31; infine 1, 5, 6 gennaio 2020.

In questi giorni è stato disposto all’interno della zona a traffico limitato il divieto di circolazione e sosta per tutti i veicoli dalle 10 alle 20 eccetto i residenti nel centro storico e altre categorie limitate (mezzi di soccorso e di pubblica utilità, ad alimentazione elettrica, turisti diretti agli alberghi, utenti diretti alle farmacie, ciclomotori, possessori di garage).

Corso Mazzini resterà chiuso dalle 10 alle 20, potranno accedere i residenti e i locatari della stessa via e di via San Gabriele dell’Addolorata, oltre ai veicoli dei turisti diretti agli alberghi, i mezzi di trasporto pubblico e pubblica utilità e quelli ad alimentazione elettrica.

I giorni da bollino giallo sono il 29 giugno; 6, 13, 20, 22, 23, 24, 25, 26, 27 luglio; i primi due sabati di agosto (3 e 10) e poi fino al 31 del mese (considerati i giorni da bollino rosso citati sopra); tutti i sabati di settembre (7, 14, 21, 28), di ottobre (12, 19, 26) e in più il 3; il 2 novembre, i sabati di dicembre (7, 14, 21, 28) e i giorni 23, 24 e 30; infine il 4 gennaio.

In questi giorni la zona a traffico limitato sarà chiusa sempre dalle 10 alle 20 ma il centro storico sarà accessibile alle categorie abilitate all’ingresso nella ztl.

Un’altra novità dell’ordinanza è la limitazione della circolazione all’interno della zona a traffico limitato dei mezzi con carico fino ai 50 quintali.

Tra le varie disposizioni da segnalare anche quella che riguarda i proprietari di immobili ubicati nel centro storico: possono circolare e sostare con i veicoli di proprietà, previa acquisizione

dell’autorizzazione, nelle aree consentite, nel limite di un’ora. Dal 31 luglio perderanno valore tutti

i permessi rilasciati in epoca precedente.

Un’altra prescrizione riguarda gli artigiani che si debbono recare nel centro storico per interventi tecnici urgenti: viene concessa un’autorizzazione giornaliera per la circolazione e la sosta in prossimità del luogo di lavoro da richiedere esclusivamente via mail all’indirizzo permessi@comune.assisi.pg.it.

Per ogni altra informazione si può consultare l’ordinanza pubblicata sul sito del Comune di Assisi.

“Dopo trent’anni, molte riflessioni e analisi tecniche – ha affermato il vicesindaco Valter Stoppini che ha la delega alla viabilità – abbiamo ritenuto necessario procedere con una diversa regolamentazione del traffico nel centro storico. Le nuove disposizioni interessano un arco temporale che va dall’ultimo fine settimana di giugno fino all’epifania e vanno nella direzione delle linee del Pums (piano urbano della mobilità sostenibile) in corso di elaborazione. Questo step è funzionale per disegnare una città a misura di residenti e visitatori, quindi più vivibile e fruibile, e senza limitazioni per chi risiede nel centro storico”.

 

 

  (164)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini