Si è aperta la 14esima edizione dell’evento di musica classica con oltre 200 studenti. Ospite d’onore per la prima volta in città, fino al 30 luglio. Terrà una masterclass domani venerdì 26 all’hotel Brufani

zakhar-bron0PERUGIA, 25 luglio 2019 – Il Music Fest Perugia ha aperto la sua 14esima edizione e come ogni anno la città è ‘invasa’ da musicisti di tutto il mondo, che tornano nel capoluogo umbro a esibirsi, anche con le orchestre, e a imparare nelle masterclass tenute dai grandi maestri. Tra questi uno dei più grandi violinisti viventi, il russo Zakhar Bron, ospite d’onore del festival, per la prima volta a Perugia dove si tratterrà fino a martedì 30 luglio. La sua masterclass è prevista venerdì 26 luglio alle 10, nella sala Raffaello dell’hotel Brufani. Vincitore di molti concorsi internazionali, tra cui il ‘Queen Elizabeth’ di Bruxelles e il ‘Wieniawski’ di Poznan, Bron è noto anche per il suo metodo di insegnamento che lo ha portato a collaborare con i conservatori più prestigiosi del mondo, il ‘Glinka Konservatorium’ di Novosibirsk, la ‘Musikhochschule’ di Lubecca, il Conservatorio di Rotterdam, la ‘Royal academy of music’ di Londra, la ‘Musikhochschule’ di Colonia, la ‘Hochschule für Musik’ di Zurigo e la Scuola superiore di musica ‘Reina Sofia’ di Madrid. Molti dei suoi studenti figurano tra i vincitori dei più importanti concorsi internazionali di violino (Vadim Repin, Maxim Vengerov, Leōnidas Kavakos, Daishin Kashimoto, Latica Honda-Rosenberg, Melina Mandozzi, Michael Ovrutsky, Daniel Hope e Mayuko Kamio).

Zakhar Bron e Peter Hermes

Zakhar Bron e Peter Hermes

“Il mio metodo – ha dichiarato Bron – punta al raggiungimento di un livello altissimo di professionalità, senza compromessi. I miei studenti sono consapevoli che non esistono limiti alla perfezione, bisogna sempre lavorare. Ognuno ha la propria individualità e il proprio talento, io cerco di esaltare questa individualità provando a tirare fuori il meglio da ogni studente, per consentirgli così di sviluppare il proprio potenziale e il proprio stile individuale. Per ognuno c’è una strada da seguire che è unica, come unico è l’individuo”. Tornando agli appuntamenti del Mfp, venerdì 26 alle 18 la Sala Raffaello ospiterà la masterclass del pianista Boris Slutsky mentre alle 21 si esibirà l’Orchestra del Mfp, questa volta diretta dal maestro Xin Xin. Sabato 27, alle 18 nella sala Raffaello, gli studenti potranno perfezionarsi grazie alla masterclass ‘Chopin’s Etudes Op.10’ condotta da Ilana Vered e Sasha Starcevich, rispettivamente direttore e codirettore artistico del Mfp. Alle 21, poi, grande concerto con l’Orchestra del Mfp e i suoi ‘prodigies’, giovani prodigi diretti dal maestro Ciardi, nella Basilica di san Pietro. Sarà lo stesso Ciardi, poi, domenica 28, a dirigere nuovamente il concerto con orchestra nella sala dei Notari alle 21, mentre il pomeriggio alle 18 si terranno le masterclass con le pianiste Myong Joo Lee e Sara Tal nella sala Raffaello.

Il festival proseguirà fino a lunedì 19 agosto. Per informazioni e aggiornamenti: www.musicfestperugia.net e pagina Facebook: Music Fest Perugia (60)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini