1Perugia, 27 luglio 2019 – Il comanda et della Legione carabinieri dell’Umbria, generale di Brigata Massimiliano della Gala, in una nota ringrazia quanti sono stati vicini all’Arma dopo la morte del Carabiniere a Roma, ucciso da otto coltellate al ventre. Ecco il testo dell’alto ufficiale: “A nome mio e di tutti i carabinieri della legione “Umbria”, desidero ringraziare vivamente le Autorità locali, i rappresentanti delle Istituzioni, i vertici della Magistratura e delle Forze Militari e di Polizia, gli esponenti politici e tutti i cittadini che hanno voluto far sentire la loro vicinanza e solidarietà in occasione della morte in operazione di servizio, del Vice Brigadiere Mario Cerciello Rega, avvenuta a Roma nella notte di venerdì.   Siamo grati per le molteplici manifestazioni di cordoglio, pervenute anche in forma anonima, per la tragedia che ha colpito il militare, i suoi cari e l’intera famiglia dell’arma dei Carabinieri.

Tante le telefonate e i messaggi di affetto giunti in vario modo ai Carabinieri umbri, come i fiori recapitati presso il Comando Provinciale e sulla porta di una delle nostre Stazioni CC., dove questa notte qualcuno ha depositato con discrezione un grande fascio di fiori. Tali dimostrazioni di affetto costituiscono motivo di grande gratificazione e sostegno in questo momento di così profonda tristezza. Analogamente a quanto già accaduto alcuni giorni fa, dopo il ferimento dell’appuntato Palleschi di Terni, durante il concitato fermo di una persona in stato di alterazione psichica, sentiamo forte la vicinanza e la riconoscenza dei cittadini delle nostre comunità, che comprendono i rischi e i sacrifici dei Carabinieri e ai quali rinnoviamo tutta la nostra dedizione”. (140)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini