Rappresentanti del festival di musica e arti al tramonto all’Isola Maggiore hanno incontrato sindaco e assessore alla cultura di Tuoro: “Non solo continueremo a sostenerlo ma siamo convinti che questo evento sia una grande opportunità per la Maggiore, Tuoro, il Trasimeno e per l’Umbria”. Gettate le basi per una collaborazione che andrà avanti per i prossimi 5 anni

1TUORO, 29 LUGLIO 2019 –  – Non si sono ancora spenti i riflettori di una quinta edizione di Moon in june “memorabile”, sotto tutti i punti di vista, che l’omonima associazione già si sta muovendo per il futuro dell’evento. Il festival di musica e arti al tramonto all’Isola Maggiore incassa ora il supporto della nuova Amministrazione comunale di Tuoro, dopo la collaborazione intrapresa con la precedente che ha sempre sostenuto le passate edizioni dell’evento, capendo quindi l’importanza di questo festival e sapendolo valorizzare. Dopo 5 anni, infatti, è diventato un festival che ha assunto una maturità artistica, organizzativa e culturale importante. E’ il festival “di nicchia” tra i più importanti a livello nazionale e non lo dicono gli organizzatori ma gli stessi artisti e produzioni che sono stati ospiti finora (tra gli altri, Vinicio Capossela, Gary Lucas, Cristina Donà, Brunori Sas, Giovanni Guidi, Morgan, Vasco Brondi-Le Luci della Centrale Elettrica, John De Leo, Carmen Consoli, Bowland).

Ora il festival è quindi ad un punto di svolta. Dopo le rassicurazioni già avute in sede di bilancio per l’edizione 2019, Patrizia Marcagnani e Virgilio Ambroglini hanno incontrato a Tuoro il nuovo sindaco Maria Elena Minciaroni e l’assessore alla cultura del Comune Thomas Fabilli. Con entrambi – che hanno ribadito la “piena disponibilità” da parte della nuova amministrazione comunale non solo di sostenere l’edizione 2020 ma di continuare a gettare le basi almeno per il prossimo quinquiennio – è stato quindi sviluppato un ragionamento per capire come organizzare al meglio la sesta edizione e le successive. “Non solo continueremo a sostenerlo ma siamo convinti che questo evento sia una grande opportunità non solo per l’Isola Maggiore e per Tuoro, ma anche per tutto il Trasimeno e per l’Umbria” afferma il sindaco.

Ormai Moon in june è sulla bocca anche di tutti gli artisti, che tra di loro parlano di come sia bello esibirsi durante i tramonti unici che si possono godere da questa isola-gioiello al centro del Trasimeno. Gli organizzatori hanno quindi richieste importanti con alcuni artisti che hanno già in mente progetti speciali e sperimentali adatti ai luoghi dell’Isola Maggiore e anche ad altri spazi del Lago Trasimeno. Un festival insomma ancora dalle enormi potenzialità – date e proposte artistiche sono già in cantiere – anche per allargare lo scenario con operazioni di promozione del territorio. Tutti stimoli che danno agli organizzatori, ed ora anche al Comune di Tuoro, la forza di continuare e di guardare al futuro.

Incamerato il sostegno del Comune, prossimanmente ci saranno ulteriori passi isituzionali importanti da parte di Moon in June. Ma ci sarà da aspettare comuqnue fino al prossimo governo della Regione Umbria, altra istituzione che ha sempre sostenuto il festival, anche grazie alla vicinanza dell’ex presidente Catiuscia Marini. “Apettiamo di incontrare chi sarà alla guida della Giunta regionale per capire se anche la principale istituzione della regione vorrà continuare questo progetto insieme a noi e al Comune di Tuoro”, sottolineano gli organizzatori di Moon in June.

 

Contatti:

www.mooninjune.itinfo@mooninjune.it

tel. 3319488452 (139)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini