La sempre più ambita cronoscalata umbra nona prova del CIVM dal 23 al 25 agosto a Gubbio ha presentato a Perugia l'edizione 2019 caratterizzata da un programma super tra sport, natura, intrattenimento e turismo impreziosito da prestigiose iniziative collaterali, percorso ottimizzato e location rinnovate sulla scia del successo ottenuto lo scorso anno con il FIA Masters europeo

1Gubbio, 1° agosto 2019 –  E’ in pieno fermento il 54° Trofeo Luigi Fagioli, la classica cronoscalata umbra nona prova del Campionato Italiano Velocità Montagna (CIVM) di scena dal 23 al 25 agosto sul percorso di gara di 4150 metri che da Gubbio sale al valico di Madonna della Cima attraverso la Gola del Bottaccione. L’edizione 2019 della “Montecarlo delle salite” è stata presentata a Perugia nella Sala Fiume di Palazzo Donini, sede della Regione Umbria, dove gli organizzatori del Comitato Eugubino Corse Automobilistiche (CECA) hanno illustrato un programma sempre più ambizioso tra novità, “special guest” e iniziative prestigiose con il vicepresidente della Provincia di Perugia Sandro Pasquali, il sindaco del Comune di Gubbio Filippo Mario Stirati con l’assessore allo sport Gabriele Damiani, il presidente dell’Automobile Club Perugia Ruggero Campi, il presidente del CONI Perugia Domenico Ignozza, il presidente del Comitato Italiano Paralimpico umbro Gian Luca Tassi, coordinati dal giornalista Luca Mercadini del “Corriere dell’Umbria”.

Davide Valsecchi riceve il Memorial Barbetti da Luca Uccellani del CECA al Trofeo Fagioli 2017 PhotoStudio

Davide Valsecchi riceve il Memorial Barbetti da Luca Uccellani del CECA al Trofeo Fagioli 2017 PhotoStudio

E’ attesissimo il Trofeo Fagioli 2019, che sotto l’egida di ACI Sport ospita le gare di auto moderne e storiche e vanta le titolazioni tricolori più ambite. Oltre a quella del CIVM presenta la doppia validità per il Trofeo Italiano Velocità Montagna (TIVM) Nord e Sud, oltre che per il Campionato Italiano Le Bicilindriche e altri trofei. Fra questi lo speciale trofeo promosso in collaborazione con il CIP Umbria riservato ai piloti diversamente abili. In vista del finale di stagione, la gara assegnerà punti tricolori pesanti ai protagonisti in lotta per i titoli nelle varie categorie, dalle auto Turismo/rally e GT fino alle Silhouette, ai Prototipi e alle Formula. Le iscrizioni sono aperte fino a tutto lunedì 19 agosto (moduli su www.trofeofagioli.it).

Programma e grandi novità.

Il 54° Trofeo Luigi Fagioli entra nel vivo venerdì 23 agosto con verifiche sportive (15.30-19.15) e tecniche (15.45-19.30) nella zona tra il complesso di San Secondo, quartier generale dell’evento, e via del Perilasio, sempre in zona paddock/partenza. Sabato 24 agosto con partenza alle 9.30 motori accesi per le due prove ufficiali in vista delle due salite di gara, al via domenica 25 agosto sempre dalle 9.30. Al termine di gara 2, nel pomeriggio premiazioni previste sul nuovo palco istallato per eventi serali e concerti nella centrale piazza 40 Martiri, dove saranno presenti anche un’area accoglienza e ristoro e un info point, tutte implementazioni volute dagli organizzatori sulla scia del grande successo del FIA Masterseuropeo ospitato a ottobre 2018 con protagonisti piloti e “nazionali” provenienti da 22 Paesi.

Sempre in quest’ottica le iscrizioni alla gara sono state aperte anche ai piloti stranieri ed è stato deciso di riservare una parte prestigiosa del paddock all’interno delle mura medievali. Il CECA ha inoltre candidato il Trofeo Fagioli a prova del Campionato Europeo per il 2020, ma naturalmente la possibilità di ospitare la serie continentale è demandata alle decisioni di FIA e ACI Sport. Per il 2019, tra gli eventi di spicco si confermano un sempre più strutturato Raduno Ferrari, che quest’anno è organizzato in collaborazione con il Ferrari Club Italia e prevede passaggi sia sul percorso di gara sia all’autodromo umbro di Magione, e la cerimonia di consegna del Memorial Angelo e Pietro Barbetti nella prestigiosa serata di venerdì 23 agosto.

Quest’anno il Memorial Barbetti è stato assegnato a Massimo “Miki” Biasion. Il driver veneto due volte campione del mondo rally (1988 e 1989) su Lancia Delta Integrale “tornerà” a Gubbio per la consegna del riconoscimento come già prima di lui hanno fatto personalità dell’automobilismo del calibro di Mauro Forghieri, Giancarlo Minardi, Andrea Montermini, Emanuele Pirro, Clay Regazzoni e Davide Valsecchi. Vincitore di 17 rally iridati e indimenticabile protagonista di un’epoca d’oro per il rallismo e il motorsport italiano, Biasion è stato più volte in gara anche a Gubbio, calcando su Lancia e Ford le strade del territorio nelle occasioni in cui hanno fatto parte delle prove speciali del Rally di Sanremo, in particolare nelle edizioni iridate dei primi Anni ’90 (molto note nell’ambiente le prove di “Nerbisci” e “San Bartolomeo”).

Gli organizzatori sono poi al lavoro su ulteriori iniziative e sorprese legate alla promozione dell’evento, che per Gubbio e Umbria diventa anche promozione del territorio. Diversi i media nazionali coinvolti con relativi giornalisti che potranno raccontare tutti gli aspetti e gli appuntamenti della cronoscalata.

  (96)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini