Alla Rocca Flea la personale di Massimiliano Kornmüller sul tema della ‘pianta infestante’. Per san Lorenzo, nella chiesa di san Francesco, apertura serale de ‘La stanza segreta’

harry-holland-table_2006_olio-su-tela_cm-92x71Gualdo Tadino, 7 agosto 2019 – Gualdo Tadino si prepara a ricevere i turisti di Ferragosto con una fervente attività culturale che vede l’apertura di tutti i musei da venerdì 9 a domenica 18 agosto, con l’aggiunta di ben tre mostre temporanee: una personale di Massimiliano Kornmüller alla Rocca Flea, la collettiva ‘Paesaggi d’Italia’ al Centro culturale Casa Cajani e ‘La stanza segreta. Capolavori della figurazione contemporanea dalla Collezione Massimo Caggiano’, a cura di Vittorio Sgarbi e Cesare Biasini Selvaggi, nella Chiesa monumentale di san Francesco che, sabato 10 agosto, notte di san Lorenzo, sarà aperta eccezionalmente anche dalle 21 alle 23. Un itinerario museale unico, dalle collezioni di ceramica a lustro oro e rubino ai preziosi reperti archeologici degli antichi umbri, per arrivare ai meravigliosi dipinti, tra tardo gotico e rinascimento maturo, della scuola umbro-marchigiana. Sei musei, tutti visitabili con un solo biglietto.

Venerdì 9 agosto alle 17.30, alla Rocca Flea, sarà inaugurata la mostra ‘Piante infestanti. Encausti su tavola di Massimiliano Kornmüller’, con la partecipazione della neonata associazione Kaleido che presenterà le sue attività. L’artista nasce nel 1964 in Pennsylvania e oggi vive e lavora a Roma. “La pianta infestante – spiega il direttore del Polo museale Catia Monacelli –, tema molto caro a Kornmüller, rappresenta un concetto che va al di là della semplice decorazione, in cui l’artista, avvalendosi dell’antica tecnica dell’encausto, interpreta il passato, secondo la tradizione antropologica più profonda, per legarlo al presente. Gli elementi decorativo-simbolici assumono una specifica funzione evocativa che lo spettatore può decodificare segno per segno, sollecitando, come in un’opera aperta, l’automatismo dell’Inconscio, quasi un antico linguaggio geroglifico da decifrare”. Per informazioni è possibile contattare lo 075.9142445 o scrivere a info@polomusealegualdotadino.it. (125)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini