1Cascia, 17 agosto 2019 – Giusto gli ultimi dettagli da mettere a punto e poi Cascia si tufferà nella rievocazione storica del Palio di santo Spirito, che raccoglie l’eredità del Palio delle frazioni cambiando veste e portando in scena una antica festa che si era interrotta col ‘Grande terremoto’ del 1703. L’appuntamento è lunedì 19 e martedì 20 agosto, dunque, con alcune novità: oltre alla sfilata del corteo storico e al galà equestre, la gara culinaria che coinvolgeva le frazioni passa il testimone alla ‘Disfida con arco storico’, a cura della Compagnia arcieri del Bosco sacro. Venti i Castelli e le Ville che hanno aderito: a ognuno verrà abbinato, a sorte, un arciere che lotterà per conquistare il Palio. L’evento, comunque, non ha saputo rinunciare alla buona cucina e difatti è prevista la cena ‘A tavola con le frazioni in festa’.

Ed ecco il programma completo: lunedì 19 alle 19 da piazza Aldo Moro partirà la sfilata del Corteo storico in costumi medievali cui prenderà parte anche il Gruppo sbandieratori e tamburini di Assisi. Intorno alle 19.30 il corteo raggiungerà piazza Garibaldi dove sfileranno consoli, podestà e figuranti, tra cui i presidenti di Comunanze che parteciperanno personalmente a corteo e cena. Infine, il corteo giungerà nel piazzale san Francesco dove si terrà la cena con le frazioni, accompagnata da musica, spettacoli e l’assegnazione degli arcieri. Martedì 20 agosto, poi, mattinata equestre, dalle 10.30 alle 12.30, in Largo elemosina. ‘Un cavallo per amico’ è il nome dell’iniziativa che propone un percorso di avvicinamento al mondo dell’equitazione per i bambini, a cura di Ambra Carraro e Mauro Carletti. Il Palio di Santo Spirito si aprirà ufficialmente alle 18 in piazza Aldo Moro e alle 18.30 ci sarà l’attesa Disfida. Chiuderà la due giorni il Galà equestre città di Cascia’, nel parcheggio Porta Orientale alle 21.

“È la rievocazione di un vecchio palio – ha dichiarato il sindaco Mario De Carolis – che un nostro storico, Omero Sabatini, ha studiato e ci ha fatto conoscere. Sarà un anno sperimentale questo, e se andrà bene nei prossimi anni cercheremo di arricchirlo con altri giochi, cerchiamo di recuperare la vecchia storia di Cascia per trasmettere alle nuove generazioni le tradizioni dei nostri antenati”. L’evento fa parte del ricco cartellone ‘Estate a Cascia’, realizzato con il contributo del Gal Valle Umbra e Sibillini. (159)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini