1FERENTILLO – 29 agosto – E’ quello de “Il Brigantaggio” il miglior Quadro vivente 2019 della 26esima edizione de “Le Rocche Raccontano, il Viaggio nei Secoli”, organizzato dalla pro loco con la collaborazione del Comune di Ferentillo. Il Quadro vincitore ha ottenuto anche il premio del pubblico, oltre che quello della critica, “per la sua eccezionale scenografia e per i magnifici interpreti (I Briganti) sempre pronti ad assalire e sparare ai viandanti solitari che passano presso il Salto del Cieco”. Gli altri premi sono stati: Il premio della miglior “Scenografia” è andato al Quadro “I Naharki” mentre il premio per il miglior “Personaggio” è stato vinto da Elena Fantone, allieva della Scuola “Beautiful Act”, interprete del nuovo ruolo “la figlia della Strega”. Il premio della “Critica” è andato invece al Quadro de “La Peste”. Gli organizzatori parlano di “edizione memorabile” che si è conclusa con la chiusura in piazza, davanti alla Chiesa di Santa Maria, con un evento dedicato al poeta dialettale ternano Furio Miselli.

2“Una 26esima edizione da ricordare anche per i numeri registrati – dichiarano il sindaco, Enrico Riffelli, il presidente della pro loco, Emilio Rosati, e il direttore artistico, Alessio Virili – come il raddoppio delle presenze nella rinomata Taverna delle Rocche, le 5000 presenze per la Notte Bianca e il record di costumanti quest’anno arrivati a quasi 600. Altro dato da non sottovalutare – proseguono – è la sempre maggior affluenza di turisti proprio nel periodo della manifestazione che fa così registrare il tutto esaurito sia presso le strutture ricettive locali che presso i ristoranti di Ferentillo e dei paesi limitrofi. Tutti gli eventi in programma sono stati seguitissimi, addirittura il concerto-omaggio a Fabrizio De André è stato seguito da oltre 500 persone in piazza così come le conferenze e gli altri intrattenimenti infrasettimanali. Nei dieci giorni di festa – concludono – si sono impegnati oltre 700 volontari per una manifestazione che sempre di più sta divenendo simbolo della Valnerina, con tutti i paesi limitrofi coinvolti nella realizzazione e nel grande divertimento collettivo”.    (ptn 511/19   11.05)

  (135)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini