Giovedì 26 settembre alle 17 inaugurazione della mostra “Chiara da Montefalco e Jean d’Amiel. Devozione e committenza in due dipinti restaurati dei Musei Vaticani”

1MONTEFALCO, 23 settembre 2019 –  – La grande arte devozionale di Montefalco al centro di un nuovo progetto dei Musei Vaticani. Nei suggestivi spazi della Pinacoteca Vaticana giovedì 26 settembre alle 17 sarà inaugurata la mostra “Chiara da Montefalco e Jean d’Amiel. Devozione e committenza in due dipinti restaurati dei Musei Vaticani” all’interno delle iniziative espositive di Museums at Work. All’inaugurazione saranno presenti il sindaco di Montefalco Luigi Titta e Serena Marinelli di Sistema Museo. Santa Chiara e il vescovo Jean d’Amiel non ebbero mai occasione di incontrarsi in vita, ciononostante le loro storie si sono intersecate grazie a due opere pittoriche (esposte per l’occasione nella sala XVII della Pinacoteca) e a un oratorio, la Cappella di Santa Croce a Montefalco, che la Santa fece costruire e il Vescovo affrescare.

Sullo sfondo, la Montefalco della prima metà del Trecento, il Papato ad Avignone e, soprattutto, un’intensa devozione popolare che artisti ancora anonimi e di grande qualità seppero interpretare con rara efficacia.

Il progetto espositivo rivela al grande pubblico – dopo nuove analisi scientifiche e un accurato restauro presso i laboratori dei Musei Vaticani – due opere che sono solitamente in arredo negli appartamenti di rappresentanza del Santo Padre: il Polittico della Chiesa di San Francesco e il Dossale della Cappella di Santa Croce a Montefalco. I dipinti erano già stati simbolicamente concessi in prestito lo scorso anno per la mostra umbra “Capolavori del Trecento. Il cantiere di Giotto, Spoleto e l’Appennino”, in occasione delle iniziative territoriali di promozione e valorizzazione artistica messe in essere all’indomani del devastante sisma che colpì il Centro Italia nel 2016.

  (84)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini