1Perugia, 27 settembre 2019 – La Polizia di Stato ha sottoposto a controllo due 24enni gambiani, entrambi regolari sul territorio nazionale e privi di precedenti per reati in materia di stupefacenti, ed ha proceduto al loro arresto in flagranza avendoli sorpresi con ben 5,5 kg di sostanza stupefacente del tipo marijuana. L’attività è stata svolta dalla Squadra Mobile di Perugia nell’ambito dell’intensificazione dei servizi antidroga disposta dal Questore Mario Finocchiaro, e si è concentrata sul fenomeno degli spostamenti, dal capoluogo umbro verso le regioni vicine, di soggetti sospettati di volersi rifornire di grossi quantitativi di droga da immettere nel mercato perugino. Per giorni, quindi, i poliziotti della Squadra Mobile hanno censito gli spostamenti dei viaggiatori, per via ferroviaria o tramite autobus, fino a quando, i loro sforzi non sono stati premiati.

2Quel giorno, infatti, agli investigatori non è sfuggita la partenza in treno per Roma di due giovani africani che avevano al seguito, rispettivamente, un grosso zaino ed un borsone apparentemente vuoti. Tale circostanza ha insospettito i poliziotti, che, non scartando la possibilità che si trattasse di persone intenzionate ad acquistare nella Capitale dello stupefacente, hanno deciso di monitorare il viaggio di ritorno dei due stranieri, con servizi mirati sia presso la stazione FS di Fontivegge che in relazione agli autobus che, quotidianamente, coprono la tratta da Perugia a Roma e viceversa. La pazienza e l’impegno degli investigatori hanno ricevuto il giusto premio quando, nel primo pomeriggio, è stato intercettato a Perugia un autobus a bordo del quale c’erano proprio i due individui sospetti notati in mattinata.

I due gambiani custodivano negli stessi zaini vuoti alla partenza cinque grossi involucri contenenti, complessivamente, circa 5,5 kg di marijuana.

Pertanto, i poliziotti hanno sequestrato lo stupefacente ed arrestato in flagranza i due giovani per concorso nel reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Per i due arrestati, si sono subito spalancate le porte del carcere di Capanne.

  (131)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini